Cerca nel sito
Viaggi argentina Iguazu cascatet tour e informazioni

Iguazu: le cascate che danno spettacolo

Una meraviglia naturale tra l'Argentina e il Brasile: questo è il periodo migliore per ammirarle, grazie alla piena dei fiumi che portano ancora più abbondanza d'acqua

Cascate di Iguazu
©Wikimedia Commons
Dalla confluenza del Rio Paranà e del Rio Iguazu nascono le meravigliose Cascate di Iguazu, visitate da circa 2 milioni di persone l’anno. Al confine tra Brasile, Paraguay e Argentina, sono formate da ben 275 salti, la cui altezza media è calcolata in 65 metri, che precipitano lungo uno strapiombo largo 3 chilometri. In questo periodo danno il meglio di se perché i fiumi sono in piena e gli scenari con la dirompente forza dell’acqua sono spettacolari.

PERCHE’ ANDARE. Le cascate fanno precipitare circa 1.500 metri cubi d'acqua al secondo e lo spettacolo naturale è uno dei più belli al mondo. Dei 275 salti che le caratterizzano, il più grande è il cosiddetto "Garganta do diablo", ovvero la gola del diavolo, formato da 14 cascate che si riuniscono e si riversano in un dirupo lungo 90 metri, un salto potente e assordante che provoca un effetto di nebulizzazione così intenso da dar vita alla manifestazione dell'arcobaleno perpetuo. Per un’esperienza unica bisogna recarsi alla base del primo livello delle cascate e percorrere una passerella che permette di venire circondati dall'acqua scrosciante, dal verde della foresta e dai colori dell'arcobaleno.

DA NON PERDERE. Il Parco Argentino delle Cascate di Iguazu, da visitare inizialmente a piedi su un sentiero che porta in mezzo alla foresta, dove si possono ammirare uccelli e pappagalli colorati, scimmie e bellissime farfalle. Successivamente si può prendere un trenino che porta alla Garganta del Diablo, visibile ancora più da vicino grazie ai 2 chilometri di passerelle. Il magnifico Parco Naturale che circonda anche la città di Iguazu offre una vegetazione tipica della foresta subtropicale. Altri circuiti panoramici piuttosto suggestivi sono il Circuito Superior e il Circuito Inferior: da quest’ultimo si parte per le escursioni sul gommone che portano proprio dentro le Cascate. Esperienza davvero adrenalinica è la gita in elicottero: la durata è breve, circa 10 minuti (anche se c’è la possibilità di uscite di mezz’ora), ma gli scenari di cui si gode a bordo dell'elicottero sopra le cascate sono impressionanti.

COSA PORTARE. L'abbigliamento adatto per le escursioni va scelto bene, dunque si mettono in valigia vestiti leggeri per muoversi più liberamente ma non scordandosi un maglione (leggero in estate ed uno più pesante in inverno). Indispensabile è un giubbotto impermeabile o per la pioggia, buone scarpe o scarpe da tennis ma vanno bene anche stivali in gomma di semi trekking.

CON CHI ANDARE. Da Rio de Janeiro è possibile prendere voli low cost a partire da 157 euro. Eden Viaggi propone un viaggio tra Buenos Aires, Iguazu e Rio de Janeiro di 10 giorni/7 notti al costo di 1650 euro. La quota comprende trasporto aereo intercontinentale e voli domestici in classe economica; sistemazione in camera doppia standard; 7 prime colazioni; trasferimenti, visite ed escursioni in servizio collettivo; guida locale parlante italiano durante le visite;  assistenza in italiano. L’operatore Airmar prevede tappa a Salvador de Bahia, Cascate di Iguazu e Rio de Janeiro con il Tour Panorama Brasiliano, di 9 giorni e 7 notti a 1545 euro a persona in camera doppia. Sono inclusi voli da Roma e Milano, pernottamento e prima colazione con pasti come da programma, trasferimenti, visite e guida in italiano.

CURIOSITA’.
La leggenda locale vuole le cascate di Iguazu discendere direttamente dall’opera del dio degli indios, il Dio Serpente padrone del mondo. La figlia del loro capo tribù, una ragazza di nome Naipi, a causa della sua straordinaria bellezza era stata destinata a vivere esclusivamente al servizio del Dio Serpente. Ma la ragazza, innamoratasi di un giovane guerriero del villaggio e da questi corrisposta, un giorno fuggì con l'amato lungo il fiume. Il Dio Serpente, si vendicò creando un'enorme spaccatura nella roccia facendovi precipitare il fiume, e con esso i due giovani, trasformando Naipi in una roccia ai piedi della cascata e il giovane guerriero in una palma ai bordi dell'abisso.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Brasile
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati