Cerca nel sito
Buthan piatto nazionale

Buthan, il piatto nazionale da solo vale un viaggio

Secondo Fodors Travel il piatto nazionale del paese vale l'intero viaggio

Piatto della cucina buthanese
©iStockphoto
Buthan, piatto tipico: l'ema datshi
IL BUTHAN Paese magico tutto da scoprire, il Buthan è un regno buddista sull'Himalaya orientale, noto per i suoi monasteri tra cui spicca il Paro Taktsang, più conosciuto come la Tana della Tigre perché costruito a strapiombo sul fianco di una montagna. Ma incanta anche per la presenza di fortezze e per gli splendidi panorami che spaziano dalle pianure subtropicali alle ripide montagne e alle loro valli. E’ una destinazione perfetta per gli amanti del trekking, che qui possono godere delle cime dell'Himalaya come il Jomolhari, alto 7326 metri. Il Buthan, che non supera gli 8000 abitanti, è stato dichiarato il Paese più Felice del Mondo perché tutto gira intorno all’indice di Felicità Interna Lorda, FIL, e i principi cardine del buddismo con i rapporti sociali sono molto più importanti della ricchezza. 

Leggi anche: Buthan, spiritualità e tradizione 

IL PIATTO NAZIONALE L'Ema Datshi è riconosciuto come piatto nazionale del Buthan. Si prepara con peperoncino e formaggio. Nella lingua Dzongkha “ema” significa chili e “datshi” significa formaggio. E’ un piatto che sorprende, sicuramente infuocato, ma che si propone sempre con qualche variazione di peperoncini locali saltati con diversi gradi di calore a cui viene aggiunta cipolla, a volte aglio o altre spezie. L’ema datshi si serve in quasi tutti i pranzi e cene insieme a una mezza dozzina di altri piatti in tipico stile familiare, accompagnati da una cremosa ciotola di delizioso riso rosso del Bhutan, churm marp, che ha un sapore tipicamente nocciola. Anche se non si tratta del piatto principe, l’ema datshi è onnipresente in Buthan. Questo perché una volta che ci si inizia a dilettare con questo piatto non se ne può più fare a meno. Al pari della pasta in Italia, del barbecue negli Stati Uniti, dei tacos in Messico. Allo stesso modo, come in tutti i grandi piatti nazionali, ogni famiglia ne custodisce una propria ricetta. La bellezza del piatto sta nella sua semplicità e accesso agli ingredienti. I peperoncini stessi sono difficili da trovare al di fuori del Buthan e la passione con cui ci si prende cura e si coltivano questi ingredienti fondamentali fa la differenza. Girando per il paese trovano quindi un senso le file di peperoncini appesi e asciugati alle travi di tante case.

LE VARIANTI Ci sono molte varianti: un ristorante lungo la strada nella valle di Punakha serve un ema datshi con un rapporto formaggio-pepe piuttosto alto, al punto che i peperoncini e il formaggio sono più simili a una fonduta fusa. Mentre un ema datshi con molti più peperoncini speziati ma splendidamente saltati con una spolverata di formaggio di fattoria vengono serviti nei pressi della fermata vicino a Thimphu. In ristoranti come Chig-Ja-Gye, il tradizionale ristorante bhutanese presso l'Hotel Taj Tashi nella capitale Thimphu, a due passi dal palazzo reale, vengono aggiunti fagioli verdi, una variante conosciuta come ema semchum datshi. In qualunque modo lo si voglia provare, l'Ema datshi è il Buthan su un piatto e si impara bene ad essere tolleranti alle spezie.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Bhutan
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100