Cerca nel sito
Serbia. Belgrado e dintorni

Belgrado e dintorni

Si dice che la città sposa l'intensità orientale con la raffinatezza europea. Belgrado è una capitale a pieno titolo, distesa tra due fiumi, Danubio e Sava, e ricca di galleria d'arte e monumenti, e di una vita notturna molto vivace.

Belgrado
©National Tourisme Organization of Serbia
Capitale a pieno titolo, distesa tra due fiumi (il Danubio e il Sava), la città serba ostenta, le une accanto alle altre, architetture classiche e moderne. Il suo centro conserva un’anima antica ma vibra di vita, con locali e night-club aperti fino a notte fonda. Si dice che la città sposa l’intensità orientale con la raffinatezza europea. Sono numerosi in città musei e gallerie d’arte, per citare gli imperdibili: il Museo Nazionale, quello Etnografico e la Galleria degli Affreschi. Dell’antichissimo passato molto purtroppo è andato perduto, resta solo qua e là qualche traccia romana. Tra i monumenti più belli oggi visitabili, la fortezza medievale di Kalemegdan, la Cattedrale e la residenza della Principessa Ljubica. Come ogni capitale che si rispetti, anche Belgrado ha la sua strada maestra, il must del passeggio, diurno e notturno, degli scorci fotografici e delle atmosfere un po’ particolari. È Skadarlija, via dei bohemien, da cui prende vita un intero quartiere dai caratteristici vicoli acciottolati stampo ottocentesco, ribattezzato “la Montmartre di Belgrado”. Un’altra via da percorrere è Knez Mihailo, dove ancora sono visibili i resti dell’architettura dell’Ottocento. Belgrado ha una predisposizione molto spiccata per le ore piccole. Quando, per lo più, in Europa i caffè si preparano a chiudere i battenti, Belgrado si sta appena svegliando. Musica dal vivo, ristoranti etnici, colori di mille lucine accese che riflettono sulle acque scure del Danubio. E’ un aspetto questo, insospettabile, che restituisce alla città un grande respiro di metropoli viva ma non disordinata, animata ma non chiassosa, gioviale ma non turbolenta. Sottigliezze che vanno definite, perché su Belgrado, è inutile negarlo, gravano pregiudizi legati alla triste storia di guerra. Belgrado è anche un’ottima base per gite fuoriporta, in aperta campagna o in altre città di singolare fascino. A un’ora di auto dalla capitale, ad esempio, si trova un piccolo gioiello della provincia autonoma di Vojvodina, “l’Atene di Serbia”, Novi Sad. Il suo principale vanto è certamente il castello Petrovaradin, tra i più maestosi d’Europa. Soprannominato “la Gibilterra sul Danubio”, ospita musei e gallerie e in estate è teatro di “Exit”, il più grande festival musicale dell’Europa del sud. Novi Sad è anche un elegante esempio di tolleranza e tranquillità e, come tale ha attratto un gran numero di gruppi etnici più diversi, durante la sua storia travagliata. In città si può partecipare all’“Old Timer City Tour”, una passeggiata guidata a bordo di auto storiche. Oppure dalla città è possibile raggiungere via acqua (lungo il Danubio e i suoi affluenti) ben sei capitali europee. Le rive del Danubio rimangono un’attrattiva irresistibile: 558 km navigabili lungo paesaggi grandiosi e insospettabili (dai campi di girasoli e cereali ai boschi densissimi alle baie sabbiose) che raggiungono il culmine attraverso la Porta di ferro (Iron Gate), la stretta e impressionante gola fra i Carpazi e le montagne balcaniche in cui si insinuano il fiume e con lui le imbarcazioni. Chi volesse spingersi ancora più a Nord, Subotica è la tappa obbligata. La piccola città serba è la porta verso l’Europa centrale, località turistica di fama, in passato meta prediletta dell’aristocrazia di Vienna, Budapest e altre capitali. Questa St Moritz pannonica è ancora impreziosita da numerosi edifici storici costruiti in stile Secessione e conserva i caratteri di multietnicità e multiconfessionalità che eredita dal suo passato storico di “città libera” per secoli.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati