Cerca nel sito
Piatti tipici a base di aringa Olanda

Aringhe, street food e regine della cucina olandese

Il primo giorno di pesca nei mari del Nord è considerato sin dal Medioevo festa nazionale  

street food olandese, pane, cipolla e aringhe
iStock
Panino con cipolle e aringhe
In Olanda i piatti di mare sono alla base della gastronomia locale. L’aringa rimane la regina della cucina olandese e viene servita in tutti i modi possibili: affumicata, marinata, alla griglia, stufata o addirittura cruda. Un pesce dal sapore deciso che fa parte della quotidianeità del paese. L’ “Haring” in lingua locale, è anche protagonista del proverbio: “Haring in’t land, dokter aan de kant” (L’aringa intorno toglie il medico di torno). I piatti a abase di aringa si trovano ovunque in Olanda: dalle bancarelle di Amsterdam, ai ristoranti (magari serviti nei toast e accompagnati da birra fresca), o nelle cucine casalinghe dove si gustano fresche.

Leggi anche: OLANDA, 5 COSE DA SAPERE SULLA FESTA DEL RE
 
Il commercio delle aringhe in Olanda incominciò nel XIV secolo, quando il pescatore Willem Bueckelszoon (anche conosciuto come William Buckels), inventò il processo di essiccazione e affumicatura, permettendo lo sviluppo di nuove industrie di preparazione e conservazione di questo pesce. Gli olandesi iniziarono ben presto a commercializzare l'aringa così conservata, costruendo un crescendo di nuove imbarcazioni. Fu il commercio delle aringhe così conservate che portò l'impero olandese allo sfruttamento e alla colonizzazione di nuove terre, diventando una delle massime potenze del mondo.

Leggi anche: LE TENTAZIONI DI AMSTERDAM (Stile.it)
 
Per gli olandesi il giorno in cui le prime aringhe dell'anno arrivano nei mercati è non solo importante, ma coincide anche con una vera e propria festività: ai primi di maggio la flotta dei pescherecci si dirige verso il mare per la pesca, mentre nei porti si iniziano ad organizzare l’evento. Numerose manifestazioni legate all'aringa: nel piccolo villaggio di Scheveningen (nelle vicinanze di L'Aja) la stagione dell'aringa viene inaugurata, ogni anno, con il  Festival di Vlaggetjesdag (letteralmente 'Giorno della Bandiera'): nel porticciolo del paese piccole e grandi imbarcazioni vengono decorate con un arcobaleno di colorate bandiere; la popolazione si veste con costumi tradizionali, mentre danze e orchestre folkloristiche intrattengono la folla con musica locale. Nel resto del paese i ristoranti allestiscono l’insegna esterna in cui si avvisa dell’arrivo dei giorni dell’haring. In Olanda (come in Svezia), il primo giorno della pesca all'aringa viene organizzato in onore della regina e proclamato festa nazionale.
 
Le migliori varietà di aringhe sono le maatyjesharing, le piccole aringhe naturali che si possono trovare in qualsiasi bottega e che si gustano con le cipolle. In qualunque chiosco di aringhe è possibile trovare il “broodje haring” una delizia servita in un morbido panino con cetrioli e cipolle. Il periodo migliore per gustare le aringhe crude è da maggio a luglio perchè si dice che raggiungano vette di inusitate dolcezza. Diffusa anche l’insalata di aringhe affumicate accompagnata da cipolle rosse, patate e mele verdi. E ancora tartare e tarine.

FOTO: IL MEGLIO DELLO STREET FOOD EUROPEO IN 28 PAESI (Stile.it)
 
Le Hollandse Nieuwe, aringhe sotto sale, sono le prime aringhe di stagione pronte per essere consumate. Le aringhe possono recare il marchio Hollands soltanto se contengono una determinata quantità di grassi e se vengono preparate secondo il tradizionale metodo olandese, ovvero pulite, diliscate e salate. Il tutto avviene in maniera quasi cerimoniale, con la tradizionale asta del primo barile di aringhe Hollandse a Scheveningen, i cui proventi vengono devoluti in beneficienza. Gli olandesi consumano le aringhe come snack, solitamente ricoperte con cipolle crude.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100