Cerca nel sito
Abcasia Caucaso viaggi informazioni utili

Abcasia, territorio quasi sconosciuto del Caucaso

Incastonata tra Russia e Georgia, l'Abcasia merita di essere inserita in un itinerario

Monastero di New Athos
©iStockphoto
Monastero di New Athos, Abcasia
Dove il Mar Nero incontra le lussureggianti colline del Caucaso inferiore, c'è una striscia di terra chiamata Abcasia che un tempo era il gioiello della corona della Riviera Russa, ovvero quel tratto con resort frequentato dall'élite sovietica, perchè apprezzato per le sue spiagge di sabbia fine, la flora subtropicale e le nebbiose città di montagna. Ma sulla scia di una sanguinosa guerra degli anni  Novanta, di una controversa dichiarazione di indipendenza dalla Georgia e della conseguente instabilità, la comunità internazionale ha praticamente dimenticato questa realtà. Che comunque merita di essere visitata. Se si è appassionati di emozioni, si si ama l’architettura con una predilezione per i progetti stalinisti del tempo o semplicemente si è desiderosi di scoprire le cucine sconosciute, ecco cosa bisognerebbe sapere per un itinerario in Abcasia.

Leggi anche: Caucaso: 5 cose da sapere prima di partire per la Georgia

Visto
Finché il tuo passaporto non è georgiano, hai diritto a richiedere un visto per visitare l'Abcasia. Il processo è indolore: si compila un modulo online, si paga una tassa di 350 rubli (pari a circa 6 dollari), e entro due settimane un visto stampabile arriva nella tua casella di posta.

Sicurezza 
Ci possono essere episodi di disordini civili, soprattutto se la Repubblica è alle prese con un'elezione controversa. Prima di partire, meglio fare una rapida ricerca sul Web. L'alto tasso di povertà in Abcasia significa che la microcriminalità è diffusa. Bisogna rispettare costumi e abbigliamento locali (le donne Abkhaz tendono a vestirsi con modestia), evitando oggetti preziosi e non camminando da soli di notte nelle aree non illuminate.

Le meraviglie naturali 
Per un territorio delle dimensioni del Rhode Island, l'Abcasia vanta un clima straordinariamente vario. Nel nord, le cime glaciali del Caucaso appaiono grandi all’orizzonte, lungo la costa ci sono agrumeti subtropicali, enormi prati e foreste lussureggianti. Sono presenti anche alcune delle grotte più straordinarie del mondo: si crede che Krubera, in Gagra, sia la più profonda della terra. La grotta più accessibile di New Athos, situata in discesa dal monastero sul mare mozzafiato che porta lo stesso nome, è incastrata così lontano in una montagna che è necessario prendere un tram sotterraneo per accedervi.

Gli abkhazi sono un popolo antico
Alcuni etnologi tracciano le radici dell'Abkhaz fino agli Heniochi, una feroce tribù documentata dagli antichi esploratori greci, mentre altri ritengono che i loro progenitori fossero Kartvelian (georgiano). Indipendentemente dalla loro origine, tutti sono d'accordo sul fatto che gli Abkhazi sono un gruppo etnico caucasico culturalmente distinto; hanno la loro lingua, i costumi e un pantheon degli dei della natura, sebbene la maggior parte degli abkhazi oggi pratichi il cristianesimo ortodosso abkhazo e, in misura minore, l’islam.

L’occupazione russa
Sebbene l'Abcazia abbia dichiarato l'indipendenza dalla Georgia nel 1999, non c'è fine alla storia per la sua dipendenza politica ed economica dalla Russia, l'unico grande paese a riconoscere la repubblica separatista come una nazione sovrana. Il rublo è la valuta de facto e dal 2016 si stanno formando nuove alleanze militari tra Abcazia e Russia, favorendo la sfera di influenza della Russia nella regione e facendo arrabbiare la Georgia e la comunità internazionale. Ma l'occupazione straniera e una fiorente industria turistica non si escludono a vicenda: secondo la Camera di Commercio e Industria della Repubblica di Abcazia, 3,5 milioni di turisti hanno visitato solo nel 2017, circa il 90% dei quali era russo.

Il cibo 
Immaginate un tavolo pieno di torte ripiene di formaggio caldo, succulenti pesci del Mar Nero, sottaceti luccicanti e denso porridge di mais: il cibo è un mix appetitoso di prelibatezze dal sapore insolito sia di terra che di mare.

L’importanza della Nutella
La Georgia è il quarto produttore al mondo di nocciole, quindi non sorprende che la società italiana Ferrero gestisca un impianto per la lavorazione delle noci in Georgia. Ciò che è sorprendente, dato l'embargo commerciale georgiano-abkhazo, è che almeno un decimo delle esportazioni di nocciole della Georgia hanno origine in Abcasia.

Stalin e la sua casa
Dal 1947 fino alla sua morte, il leader sovietico trascorreva le piacevoli estati nella sua dacia sul Lago Ritsa, la cui acqua blu ghiaccio è incorniciata da un teatro di montagne innevate. Oggi, la casa estiva è ferma nel tempo e anche misteriosa: puoi vedere il letto dove dormì Stalin, scattare foto del suo bagno rosa e persino fare un giro sul suo motoscafo originale.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Georgia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100