Cerca nel sito
Norvegia location film The Quake disaster sequel movie Oslo

A Oslo si replica Il terremoto del secolo

John Andreas Andersen dirige un Disaster Movie nel quale in pochi credevano, anche in Norvegia.

altre storie
Nel 2015 avevamo scoperto la piccola Geiranger, cittadina norvegese nei pressi di Åkerneset dove era stato girato il sorprendente thriller The Wave. Oggi a distanza di quattro anni si torna nello stato scandinavo per un incredibile sequel di quel film, The Quake - Il terremoto del secolo di John Andreas Andersen. Una sfida per il regista, che - dopo aver diretto poco più del simil 'Pirati dei Caribi' intitolato Capitan Sciabola il tesoro di Lama Rama - ha dimostrato di poter dirigere un complicato Disaster Movie (distribuito in Italia da Altre Storie e Minerva Pictures).



Il geologo Kristian Elkjord è un uomo la cui vita privata è appesa a un filo: l’ossessione verso il suo lavoro lo ha portato a separarsi dalla moglie Idun (Ane Dahl Torp) e a trascurare i due figli: lo studente universitario Sondre (Jonas Hoff Oftebro) e la piccola Julia (Edith Haagenrud Sande). La sua grande esperienza e il suo intuito di geologo lo portano a scoprire che Oslo è minacciata da un catastrofico terremoto, abbastanza potente da distruggere l’intera città. Convincere di questo le persone che gli stanno intorno sarà un’impresa difficile, ma non abbastanza da scoraggiarlo a tentare di salvare la sua famiglia intrappolata in uno dei grattacieli più alti di Oslo, duramente colpito dallo sciame sismico che violentemente sta demolendo ogni cosa.

Consigli.it per voi: Dove dormire a Oslo, una città sostenibile

"Ho sempre amato i Disaster Movie - racconta il produttore Martin Sundland, vera mente dell'operazione. - Sono emozionanti e ricchi di scene drammatiche. Per cui ho iniziato a pensare che sarebbe stato divertente realizzarne uno, almeno per una volta". Ma dai primi soggetti, poco realistici, ai problemi di budget, le difficoltà hanno iniziato ad emergere rapidamente. Soprattutto quelle 'ambientali'.

Consigli.it per voi: Lillehammer, la regina norvegese delle nevi

"Credo che abbia molto a che fare con il coraggio - spiega Sundland. - I norvegesi pensano troppo rapidamente di non essere abbastanza bravi e di non potercela fare". E per quanto l'idea di realizzare un film su un terremoto in Norvegia sembrasse inizialmente assurda, continua, "con il tempo ho capito le basi sulle quali si fonda questa storia: la Norvegia è la zona sismica più attiva del nord Europa. Nel 1904 ci fu un forte terremoto che colpì la regione di Oslo. Questo tipo di eventi si ripeterà nuovamente. E nessuno può dire con esattezza quando".



A quell'evento ci si è ispirati, di fatto. E forti del successo del The Wave del 2015 si è scelto di raccontare un drammatico cataclisma, che sullo schermo vediamo dall’ultimo piano di un grattacielo mentre sconvolge Oslo in "una delle migliori sequenze d'azione e suspense dell’anno" secondo Dennis Harvey di Variety. Un successo annunciato? Vedremo. Di certo non se ne potrebbe nemmeno parlare se non fosse stato per l'incredibile supporto della stessa capitale norvegese. "Ci hanno preso seriamente, e la città tutta ha collaborato con noi per rendere Oslo più visibile e portare qui altri cineasti - racconta ancora il produttore. - È difficile girare a Oslo, ci sono molte difficoltà logistiche, per cui voglio davvero ringraziare tutti". Anche per la disponibilità nel mostrare gli edifici più iconici della città danneggiati dal terremoto.

Consigli.it per voi: Trysil, sciare in Norvegia immersi nella natura

Non che questo tipo di disastri siano all'ordine del giorno da quelle parti, ma "ci piace pensare di vivere in un centro urbano, ma la foresta è a soli cinque minuti di metro e il fiordo è a un passo - sottolinea Sundland. - Pensiamo di essere molto lontani dalla natura, ma questa è pericolosamente vicina". Per questo, pensando alla frase di lancio del film - "Nessuno è al sicuro" - chiosa e consiglia: "Visitate Oslo, prima che sia troppo tardi!".
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Norvegia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100