Cerca nel sito
Carolina Sud location film Halloween Hanahan Charleston

A Charleston è sempre Halloween!

La festa di Ognissanti è ormai passata, ma il remake del cult horror di Carpenter è una buona scusa per volare in Sud Carolina.

Universal
Tra gli Stati più frequentati dal cinema c'è sicuramente la North Carolina, come dimostrato negli ultimi tempi da film come Masterminds e Le città di carta, ma non sarebbe giusto per questo trascurare il suo gemello, la Carolina del Sud. E non potrebbe esserci momento migliore per tirare in ballo il cosiddetto 'Palmetto State', visto che in questi giorni cadeva proprio la festa che condivide il nome con l'Halloween di David Gordon Green (Stronger, Joe), remake del cult dell'horror diretto da John Carpenter nel 1978.

Come allora, Jamie Lee Curtis torna all'iconico ruolo di Laurie Strode, che giunge allo scontro finale con Michael Myers, l’uomo mascherato che le ha dato la caccia da quando era sfuggita per un soffio alla carneficina della notte di Halloween avvenuta quarant'anni prima. Dopo il massacro di Haddonfield, i podcaster criminologi Aaron Korey e Dana Haines si mettono in viaggio verso lo Smith's Grove Rehabilitation Hospital per tentare di studiare la psiche del terrificante Myers prima del suo trasferimento a un nuovo centro. E prima che l'orrore di allora torni a deflagrare…

Consigli.it per voi: Halloween e gli altri, i film dell'orrore da non perdere

Nel 1978 era stata la California ad ospitare la crew - tra la casa dei Myers in Mission Street a South Pasadena, location principale del film, e la Los Angeles di Hollywood - mentre stavolta tutto si svolge a Charleston e dintorni. Poco più di un mese di riprese (dal 13 gennaio al 19 febbraio), e un rapido ritorno sul set (l'11 giugno successivo), hanno portato i nostri eroi al Magnolia Cemetery Trust di Cunnington Avenue (trasformatosi nel cimitero di Haddonfield), alla Stazione di servizio di 1256 Yeamans Hall Road, vicino Hanahan, dove Michael si 'esibisce' e nelle varie abitazioni utilizzate, tra Fenwick Drive, President Street e Stocker Drive. Oltre ovviamente alla Military Magnet Academy di Carner Avenue utilizzata per ricostruire il centro di recupero.



"Troviamo Michael Myers nello stesso posto in cui si trovava all’inizio del film originale: un ospedale di stato - spiega lo scenografo Richard Wright. - Questo Smith’s Grove State Hospital è stato un po' una scoperta, ci siamo imbattuti in questo stupendo cortile a scacchiera che si trova proprio al centro". Teatro della scena più terrificante di tutte per il produttore Jason Blum e ispiratore - per sbarre e motivi a scacchi - del motivo presente in molte altre ambientazioni: "persino a casa di Laurie, prigioniera proprio come Michael Myers", continua Wright.

Che anche nella progettazione della fattoria e del poligono di tiro ha chiesto spesso il parere della protagonista del film. Inevitabile, visto che per aver convissuto tanto a lungo con il suo personaggio i consigli della Curtis su come sarebbe oggi la casa di Laurie si sono rivelati preziosi. E infatti… "Per quanto riguarda il design, abbiamo iniziato dalla casa di Laurie, la casa di sua figlia e la stanza di sua nipote. - ha aggiunto lo scenografo. - Abbiamo pensato a cosa avesse attraversato il personaggio, al fatto che non avendo mai superato quell’esperienza, si sia spinta in una sorta di follia".

 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100