Cerca nel sito
sicilia acireale giardini casa pennisi itinerari

Sicilia, a passeggio nei giardini di Casa Pennisi

I magnifici giardini in provincia di Acireale sono uno scrigno di sorprese

acireale mar ionio costa ionica sicilia
Courtesy of ©Jeanne boleyn/Wikimedia Commons CC BY SA 3.0
Costa ionica vista da Acireale
Costruito nel cuore di Acireale verso la fine del 1800 il giardino di Casa Pennisi è uno dei pochi polmoni verdi cittadini siciliani scampati all’urbanizzazione dei centri abitati. Inizialmente edificato per fare da cornice e da sfondo al prestigioso Hotel de Bains, eretto per mano da Mariano Falcini architetto di origini fiorentine, che ospitava i facoltosi clienti delle adiacenti terme di Santa Venera, il giardino ha un’impronta decisamente classica che è possibile riconoscere nei sentieri delimitati dalle alte siepi di bosso. Le aiuole presenti nel percorso però non sono l’unica attrattiva del parco, difatti molte piante esotiche e di origine tropicale si affiancano ai tipici arbusti mediterranei a noi ben più noti che crescono rigogliosi in Sicilia. L’impronta di unione delle diverse flore ha resistito nel corso degli anni, tanto che ad oggi è ancora possibile ammirare all’interno del giardino la stessa commistione che già era contemplata dai visitatori ottocenteschi.

Una volta al suo interno, i visitatori del giardino di Casa Pennisi vengono immediatamente rapiti dalla bellezza del gazebo in ferro, punto focale del luogo, con la figura del glicine che si staglia e si arrampica sulla griglia dal raffinato disegno. La parte dove il gazebo risiede è circondata da cespugli di rose, gerani di Machranta e agapanthus azzurri che mettono in risalto il pavimento acciottolato dalle forme squisitamente geometriche. Nel proseguire il percorso fa capolino la raffigurazione di due fanciulli che giocano che si staglia all’interno di una fontana in terracotta dalla forma rotonda che ospita papiri, ninfee e fiori di loto. A seguire è impossibile non soffermarsi a contemplare la grandiosa scultura raffigurante un gruppo di phoenix, con i rami che si dipanano in meravigliosi disegni e ghirigori che danno vita ad un disegno intricato di rara bellezza. Proseguendo nel percorso si giunge ad una magnifica voliera a pagoda, dopo aver attraversato i minuscoli locali dove un tempo venivano ospitati piccoli animali selvatici oggi circondati da siepi di bossi e ricoperti da ibiscus, e che lascia immediatamente spazio, a seguito dello stretto sentiero che si dipana dalla scalinata di marmo di accesso, ad una seconda vasca delimitata da un’elegante ringhiera in ferro battuto.

La villa adiacente al giardino è, inoltre, ancora in attività ed oggi è una location per cerimonie ed esclusivi ricevimenti offrendo anche alloggio agli ospiti degli eventi. A completare l’idilliaco paesaggio una piccola chiesa settecentesca, che racchiude al suo interno un magnifico altare marmoreo, che ad oggi accoglie numerose manifestazioni culturali locali.

Leggi anche:
Sicilia: 5 itinerari seguendo l'arte più bella dell'isola
Weekend in Sicilia: itinerario in 5 tappe tra i sapori dell'isola

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100