Cerca nel sito
natura ischia passeggiate escursioni itinerari 

Primavera a Ischia: le escursioni imperdibili

L'isola vanta paesaggi unici tutti da esplorare per una vacanza outdoor

istockphoto.com
Isola di Ischia
Come una suggestiva montagna che si erge dal mare, Ischia è una splendida isola di origine vulcanica che emerge a pochi chilometri dalla costa flegrea. E'considerata una delle mete balneari e termali più apprezzate d'Italia, ma forse non tutti sanno che la bella isola partenopea rappresenta una meta perfetta anche per gli amanti dell'ecoturismo. La sua natura variegata, i paesaggi selvaggi ed il ricco mosaico di ambienti differenti ne fanno la cornice ideale per lunghe escursioni vista mare alla scoperta di autentiche meraviglie botaniche e geologiche.

I mesi primaverili rappresentano il momento ideale per concedersi una vacanza outdoor tra le bellezze di Ischia. In questo periodo, infatti, l'isola è già completamente immersa nei colori e nei profumi delle piante selvatiche ed il clima è già mite e piacevole, ma ancora non è presa d'assalto dal turismo estivo garantendo atmosfere tranquille e la possibilità di godere dei suoi scenari ammantati delle atmosfere più suggestive.

Ce n'è davvero per tutti i gusti. E nel senso letterale del termine. Gli amanti del buon vino, infatti, potranno concedersi lunghe passeggiate tra i vigneti godendo del nettare prelibato che se ne ricava ma anche, e soprattutto, della bellezza degli scenari. Un itinerario interessante prende il via da Buonopane e arriva fino a Faiano passando per Candiano, Piano San Paolo, Cannavale e Cirillo.

Le origini vulcaniche dell'isola ne hanno profondamente influenzato i paesaggi regalando suggestioni uniche tutte da scoprire. Faiano stavolta farà da punto di partenza per un itinerario alla scoperta dei più interessanti fenomeni di vulcanesimo di Ischia, che attraversa zone come Marecoppo, Monte Trippodi, Buceto, Carusiello, Cretaio, Fondo Ferraro, Casa Arcamone e Bosco dei Conti, dove si potranno ammirare siti di grande fascino come il cratere di Fondo Ferraro, la sorgente di Buceto e la Lava dell'Arso che porta le tracce dell'ultima eruzione del 1302 che distrusse la città di Geronda.

Magnifica anche Punta Molina, formata da una colata lavica che ha creato la caratteristica superficie irregolare con blocchi di lava e grandi scorie, oggi ricoperta da una folta pineta fatta impiantare da Ferdinando II, così come le baie che si aprono lungo la costa, tra le quali meritano certamente una sosta quelle di San Pancrazio, Maronti Cava Grado. Da non perdere, inoltre, una passeggiata alla volta della cima di Monte Epomeo, la più alta dell'isola, dalla quale si gode di un magnifico panorama che si spinge sino alle isole vicine ed alla terraferma dalla quale si innalzano il Vesuvio, i Monti Lattari e la Penisola Sorrentina.

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100