Cerca nel sito
giardino la cutura salento natura itinerari escursioni

La Cutura: tutto il mondo in un giardino salentino

Una dimora settecentesca accoglie una ricca collezione di rarità botaniche

la cutura salento giardino natura viale puglia
Courtesy of ©www.lacutura.it
Il viale che attraversa il giardino segreto
E' nato dall'amore dell'ex bancario salentino Salvatore Cezzi il bellissimo giardino di 35 ettari che adorna contrada Cutura, immersa nelle campagne tra Palmariggi e Giuggianello, non lontano da Otranto. La sua sensibilità artistica e la passione per le piante gli hanno permesso di trasformare una dimora settecentesca in una magnifica area verde che custodisce una moltitudine di piante provenienti da ogni parte del mondo e sistemate in differenti ambientazioni allestite nella zona più antica della tenuta, chiamata "borgo vecchio". Il percorso di visita del giardino La Cutura si articola in una serie di serre e giardini tematici, ognuno abbellito con incantevoli composizioni di piante rare di ogni privenienza.

Punta di diamante di questo prezioso gioiello salentino è la mastosa serra delle piante grasse tropicali, realizzata in ferro e policarbonato per un'altezza complessiva di 16 metri. Al suo interno si possono ammirare ben 2.000 varietà di piante differenti provenienti da diversi continenti, dal Sud America, all'Africa fino all'America Centrale che vivono nelle condizioni climatiche ideali riprodotte fedelmente all'interno della serra. La visita prosegue attraverso il giardino roccioso che, in un'area incorniciata da vecchie mura in pietra salentina, ospita ben 80 varietà di agavi, 50 varietà di opuntie, e numerose varietà di cactacee.

Non meno suggestivo il laghetto punteggiato di papiri e ninfee, alimentato dalle acque piovane raccolte in una cisterna situata all'interno della serra dove si possono ammirare diverse varietà di piante acquatiche tra cui bambù, giacinti ed iris. Scorci dall'aspetto più "nostrano" adornano, invece, il giardino mediterraneo dal quale fanno capolino una moltitudine di specie tipiche della macchia mediterranea, tra cui ginestre, ginepri, conifere, olearie, corbezzoli, timi e mirti dall'animo salentino. Il giardino all'italiana è, invece, un trionfo di 70 specie di benefiche piante officinali, illustrate con appositi cartellini e disposte in pittoresche aiuole geometriche.

Profumi inebrianti avvolgono, invece, il giardino dei semplici dove, tra piante aromatiche come menta, kermes, lavande e canfore, perfette per la preparazione di infusi, tisane, liquori e sciroppi, trovano dimora mucche, vitelli e altri animali d'allevamento. Romantico, affascinante ed altrettanto inebriante il roseto accoglie, invece, 100 differenti varietà di rose che nel periodo di fioritura regala un colpo d'occhio davvero unico e colorato. Giochi di luce e di ombre accompagnano i visitatori attraverso il bosco dei lecci dove maestose querce secolari fanno da cornice a suggestivi eventi di intrattenimento.

E per concludere la visita in maniera magica e misteriosa, l'appuntamento è nel magnifico giardino segreto dove sono custodite le piante più rare. Una volta varcato il cancello, si prosegue lungo un viale che separa una caratteristica cava tufacea, che ospita agrumi rari, conifere nane, e gordonie, da due piccole serre adornate con autentiche rarità floreali come palmizi, felci, orchidee, frutti esotici ed essenze profumate.

Leggi anche:
Sapori di Puglia in masseria
5 posti in Puglia da vedere con l'anima gemella
Puglia, la più bella del mondo
La Puglia e il Sud Italia: le più amate dal cinema

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100