Cerca nel sito
Vacanze sul lago in fiore

Lago Maggiore tra parchi e giardini

Itinerario naturalistico tra Stresa e Verbania alla scoperta dei paradisi fioriti che circondano le ville nobiliari sulle sponde del Lago.

Lago Maggiore Giardini<br>
©Thinkstock
Giardini di Villa Taranto
Andare alla scoperta del territorio del Lago Maggiore significa visitare luoghi che per molto tempo sono stati meta favorita di famiglie nobili: e come stupirsene visti gli incanti dei panorami mozzafiato, talmente suggestivi che molte di queste famiglie hanno voluto qui realizzare alcune fra le più splendide ville d'Italia come Villa Fedora a Baveno, Villa Aminta a Stresa, Villa Giulia a Verbania- Pallanza, Villa Ponti ad Arona.

Ciò che accomuna gli eleganti edifici nobiliari sono i giardini che li circondano, su cui spiccano i Giardini Botanici di Villa Taranto che richiamano migliaia di turisti durante tutto il corso dell’anno, come anche i bellissimi giardini dell’Isola Bella e dell’Isola Madre. Con lo sguardo che spazia dalla costa lombarda alla costa piemontese, il visitatore che si trova a Stresa si fa incantare dal lungolago caratterizzato dai filari di palme, dai giardini e dalle facciate dei maestosi alberghi, come il Grand Hotel Bristol (Corso Umberto I 73; tel: 0323/ 32601; www.bristol.zaccherahotels.com), prestigioso edificio ricavato proprio da una residenza nobiliare. Qui si trova il Parco di Villa Pallavicino che, in un’area di circa 20 ettari, fa bella mostra di se tra viali fioriti, alberi secolari e un giardino botanico dove si possono ammirare numerose specie tra mammiferi e uccelli esotici.

C’è poi la cosi detta “Montagna dei due laghi”, ovvero il Mottarone, chiamato cosi per la sua posizione che offre un panorama sia del lago Maggiore sia del lago d’Orta ma che consente di ammirare altre meraviglie naturali come la Pianura Padana, le Alpi del Monviso e anche il Monte Rosa. Verbania si trova sulla penisola che divide in due parti il lago: giardini e parchi ne sono la principale attrattiva turistica, essendo il luogo ideale per chi cerca una vacanza all’insegna della natura e del relax. Il lungolago di Intra offre una piacevole passeggiata che dall’attracco dei traghetti porta ai giardini della foce del torrente San Giovanni, con vista sul bacino di Laveno e sulla sponda lombarda del lago Maggiore. Qui si può pensare ad una sosta gastronomica mentre si visita il centro storico: tra gli indirizzi la Trattoria Concordia (Via San Fabiano 18; tel: 0323/ 40327; www.ristoranteconcordia.it), un locale rustico con belle foto d’epoca alle pareti e travi a vista, che propone una cucina regionale rielaborata.

A Pallanza tappa d’obbligo sono i giardini botanici di Villa Taranto, non a caso famosi in tutto il mondo per la ricchezza delle piante: voluti nel 1931 dal Capitano scozzese Neil McEacharn, ospitano un vero giardino all’inglese incastonato nel verde, che durante il periodo della fioritura esplode in una miriade di colori. Il patrimonio botanico del Lago Maggiore è arricchito ulteriormente dai giardini di Villa S.Remigio e dalla Riserva Naturale Speciale di Fondotoce, che comprende l'ultimo tratto del fiume Toce e si presenta come una tipica zona umida. Qui è un susseguirsi di canneti nel quale trovano riparo molte specie di animali, in particolare gli uccelli che vi nidificano, e non manca un centro studi per le migrazioni che attrae molti appassionati di ornitologia.
Saperne di più su NATURA
Correlati per distretto Lago Maggiore
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100