Cerca nel sito
lazio giardini natura itinerari

Il Giardino di Ninfa sembra uscito da una favola

A Cisterna di Latina si trova uno dei giardini più belli d'Europa

Giardino botanico
istockphotos
Giardino di Ninfa
Sembra uscito da una fiaba, tanto che dai suoi scorci fioriti non si rimarrebbe sorpresi di veder spuntare, all'improvviso, qualche folletto dispettoso o qualche elegante fatina. Il Giardino di Ninfa è un vero e proprio incanto per gli occhi ed una fonte inesauribile di emozioni che coinvolgono tutti i sensi. Un luogo dal fascino surreale che fonde alla perfezione la bellezza della natura con le tracce lasciate dalla storia in una convivenza armoniosa creata dalla sensibilità di una famiglia che ha trasformato un mucchio di ruderi in un giardino meraviglioso che li incornicia e li valorizza. A Cisterna di Latina, tra i Comuni di Sermoneta e Norma, questa deliziosa oasi fiorita si mostra al pubblico soltanto su prenotazione in un periodo circoscritto dell'anno, da aprile sino agli inizi di novembre, ed in specifici weekend e giorni festivi. Come un tesoro, dunque, non è facilmente accessibile ma la scoperta vale certamente l'attesa.

E' stata la famiglia Caetani a rendere questo luogo così magico e fatato. Il sito su cui sorge, un tempo occupato dalla cittadina medievale di Ninfa andata distrutta, ebbe nel tempo diversi proprietari, spesso membri di famiglie pontificie. Fu soltanto agli inizi dello scorso secolo che il terreno su cui sorgeva il gruppo di ruderi della cittadina venne bonificato dalla famiglia Caetani che ne aveva acquisito la proprietà. Gelasio Caetani, nel 1921, diede il via alle opere di bonifica disponendo, contestualmente, il restauro delle rovine. Oggi, dunque, tra le piante, i fiori, e le acque del fiume Ninfa che formano un placido laghetto, si ergono le vestigia dell'antica torre e di alcuni edifici, romanticamente incorniciate da una cascata di fiori e di fronde rigogliose. Il giardino botanico che è stato ricavato dopo la bonifica del sito, frutto del lavoro e dell'impegno della famiglia Caetani e dei suoi eredi, tra cui Leila, figlia di Roffredo Caetani e Marguerite Chapin, che diede al parco l'aspetto di un giardino all'inglese, è oggi considerato uno dei più belli d'Europa ed il New York Times lo ha definito “il giardino romantico più bello del mondo”.

Ma non è soltanto la sua bellezza a rendere prezioso il Giardino di Ninfa. L'intero sito è sottoposto a speciale cura e tutela perchè custodisce, al suo interno, un habitat di elevato interesse naturalistico. Il microclima umido, il fiume ed il laghetto che forma creano, infatti, l'ambiente ideale per la proliferazione di una flora ricchissima che, a seconda delle stagioni, sfoggia differenti fioriture che creano scenari di una bellezza unica. Durante la visita, infatti, ci si imbatte in magnolie di diverse varietà, betulle, iris palustri, un’incredibile varietà di aceri giapponesi, ciliegi e meli ornamentali, oltre a 1300 differenti specie botaniche tra le quali si distinguono viburni, caprifogli, camelie, cornioli, rose rampicanti che si aggrappano alle rovine, e piante tropicali come l’avocado, i banani, la gunnera. E tra le fronde che incorniciano il laghetto un'oasi di 1.800 ettari protegge oltre 150 specie ornitologiche tra cui rapaci come il Falco Pellegrino e il Barbagianni. Chi desidera scoprire questo tesoro fiorito a due passi da Latina e Roma può consultare sul sito ufficialele date di apertura e prenotare direttamente online la propria visita.

Leggi anche: 
5 Parchi italiani per escursioni tra natura e storia
Non i soliti parchi: 5 aree verdi con sorprese artistiche
5 itinerari a caccia di misteri, storie e leggende

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100