Cerca nel sito
toscana natura eventi giardini itinerari

Firenze formato famiglia ai Giardini di Boboli e Bardini

I due giardini storici storici di Firenze rientrano nel progetto Famiglie al Museo

Firenze Giardini di Boboli
©Alexander Dashewsky/Shutterstock
L'autunno e l'inizio della primavera sono un momento speciale per le faiglie che scelgono di visitare le meraviglie di Firenze. Grazie ad una speciale iniziativa del Dipartimento Scuola e Giovani delle Gallerie degli Uffizi i nuclei famigliari con ragazzi dai 7 ai 14 anni potranno, infatti, prendere parte ad una serie di incontrie percorsi appositamente studiati per far conoscere ed esplorare il polo museale più visitato al mondo anche ai visitatori più giovani in maniera divertente e coinvolgente. Gli eventi conquisteranno i più piccini ma sapranno coinvolgere anche i grandi che potranno ammirare alcuni dei siti più affascinanti del capoluogo toscano in maniera piacevole ed originale. Nell'ambito del progetto Famiglie al Museo i visitatori avranno l'opportunità di esplorare anche gli splendidi giardini che adornano il polo museale, il Giardino di Boboli e Giardino Bardini, autentici capolavori a cavallo tra natura, arte e storia.

Il Giardino di Boboli nacque a metà del XVI secolo dall'unione dell'antico Orto dei Pitti con gli spazi agricoli che si estendevano alle spalle del palazzo che Eleonora di Toledo, moglie del duca Cosimo I de' Medici, acquistò nel 1549. Nel corso del tempo il Giardino venne ampliato ed abbellito con l'aggiunta di differenti installazioni. Verso sud nacque il suggestivo viale dei cipressi che conduce sino al Bacino dell'Isola. L'isolotto venne adornato con la magnifica Fontana degli Oceani incorniciata da conche di agrumi e fiori. Nello stesso periodo, quello tra il 1609 e il 1621 sotto la guida di Cosimo II, nacque anche la caratteristica "cerchiata grande", un viale ricoperto dei bei rami di leccio intrecciati. Ai Medici succedettero gli Asburgo-Lorena che, con Leopoldo II, realizzarono nuovi ampliamenti ed installazioni tra cui la Limonaia, il Kaffehaus, la Palazzina della Meridiana, il riordino del Prato delle Colonne e la realizzazione di un girdino botanico e di un "jardin potager" per la coltivazione di ortaggi, frutta e fiori esotici. Gli ultimi interventi significativi, fatta eslusione per le opere di restauro e riqualificazione, risalgono ai primi anni del XIX secolo, quando il giardino venne ricondotto all'aspetto formale con la restaurazione lorense e dotato del Tepidario Grande, già giardino botanico.

Magnifico polmone verde affaciato su Firenze, il Giardino Bardini si presenta come un ampio spazio verde di circa 4 ettari adagiato sulla riva sinistra dell'Arno, la collina Montcuccoli e le mura medievali, caratterizzato da una grandissima ricchezza compositiva e vegetale e da una posizione panoramica davvero scenografica. Esplorando l'area dedicata al parco agricolo ci si imbatte in numerosi alberi da frutto della tradizione toscana e ci si può lasciar conquistare dalla splendida vista che si gode dal rondò-belvedere. Una volta imboccato il suggestivo tunnel di glicini, lo sguardo è rapito dalle 60 varietà diverse di ortensie. E quando si percorre la monumentale scala barocca, un trionfo di rose bourboniane e iris rifiorenti, raggiungendo il Belvedere e le magnifiche fontane con i mosaici polimaterici ci si scopre già completamente conquistati da questo piccolo paradiso verdeggiante. La scalinata è, infatti, mentre, nella parte più bassa, campeggia il teatro verde ricavato in un conca e il giardino con bordi di erbacce e graminacee.

Leggi anche:
Trekking in Toscana: Corri sulla Francigena
Le 5 migliori gite per vivere la Toscana in coppia

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100