Cerca nel sito
lombardia natura bergamo cascate itinerario

Cascate del Serio, uno spettacolo che conquista 5 volte l'anno

A Valbondione le splendide cascate si mostrano soltanto per 5 volte da giugno a settembre

cascate del serio
Courtesy of ©facebook.com/turismo.valbondione
Cascate del Serio
Non c'è da meravigliarsi che lo scrittore e scienziato bergamasco Giovanni Maironi, parlando delle Cascate del Serio, le abbia definite “il luogo dove rifarsi delle tante amarezze della vita”. Questa splendida massa di acqua che si tuffa in un triplice salto a Valbondione, a pochi più di 50 chilometri da Bergamo è un vero e proprio spettacolo della natura, di quelli in grado di far dimenticare per un attimo ogni motivo di ansia e preoccupazione. Qui il paesaggio è meraviglioso ed incontaminato ed il corso del fiume Serio si insinua nella natura lussureggiante regalando momenti di autentica pace e serenità.

Il suono del fiume che si tuffa dalle rocce, gli spruzzi puri e rinfrescanti e il senso di maestosità di questa colonna d'acqua sconfinata sono le prime sensazioni che suscita il contatto con queste splendide cascate. Sensazioni che, in un attimo, si trasformano in stupore e meraviglia, perchè lo spettacolo dinanzi al quale ci si trova al cospetto è di quelli che non si dimenticano. E non potrebbe essere altrimenti perchè le Cascate del Serio, con i loto 315 metri di dislivello sono le più alte d'Italia e le seconde in Europa. 

Nel cuore delle Alpi bergamasche, il fiume Serio effettua uno spettacolare triplice salto che si osserva alla perfezione dai grandi macigni a monte della contrada Maslana e dalla strada militare che porta al Curò. A seguito della costruzione della diga, però, si mostra al pubblico soltanto per cinque volte all'anno da giugno a ottobre. Vale la pena, dunque, pianificare il proprio viaggio in funzione delle date di apertura annuali che, per il 2019, sono previste per il 16 giugno al mattino dalle 11.00 alle 11.30, per il 20 di luglio, con una spettacolare apertura in notturna dalle 22.00 alle 22.30, il 18 di agosto, dalle 12.00 alle 12.30, il 15 settembre, nuovamente al mattino dalle 11.00 alle 11.30 e il 13 ottobre con lo stesso orario, ricordandosi di prenotare entro le 15.00 del giorno prima.

Raggiungere le cascate si rivelerà emozionante tanto quanto ammirarle, grazie al piacevole trekking che dal centro di Valbondione conduce sino al salto percorrendo la carrabile in direzione del Rifugio Antonio Curò. Una volta ammirate le cascate, i visitatori più dinamici potranno proseguire alla volta del Rifugio scegliendo se seguire il sentiero ripido, che prevede un percorso più breve ma con maggior pendenza, o percorrere la carrabile panoramica che si arrampica lungo il lato della vallata che si snoda in più tornanti per poi terminare in prossimità del lago del Barbellinolungo un sentiero scavato nella roccia.

Leggi anche: 
5 Parchi italiani per escursioni tra natura e storia
Non i soliti parchi: 5 aree verdi con sorprese artistiche
5 itinerari a caccia di misteri, storie e leggende

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100