Cerca nel sito
parco suviana brasimone bologna emilia romagna laghi escursioni

Bologna vista lago: 5 meraviglie del Parco di Suviana e Brasimone

Tra le montagne del capoluogo emiliano magnifici boschi incorniciano due laghi da sogno dove concedersi lunghe giornate all'insegna della natura

lago suviana bologna bacino specchio d'acqua bosco natura nebbia
©Elena Chiavegato/Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Emilia Orientale
Uno scorcio del Lago di Suviana
Nel cuore delle montagne bolognesi una splendida distesa di boschi incornicia due grandi bacini artificiali realizzati all'inizio del secolo scorso. Si tratta del Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone e rappresenta una soluzione ideale per concedersi passeggiate da sogno immersi in una natura incontaminata che crea scenari da sogno popolati da specie affascinanti. Ecco cinque buoni motivi per scegliere questo splendido Parco per una vacanza all'insegna delle bellezze paesaggistiche del nostro Paese.

1. I LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE
Sono certamente i due bacini i protagonisti del magnifico territorio del Parco. Sono stati realizzati agli inizi del XX secolo a scopo idroelettrico ed oggi offrono ottimi spunti per rinfrescanti giornate in riva al lago. In particolare il lago di Suviana, con una capacità di 42 milioni di metri cubi, superficie di 1,5 Km quadrati, è attualmente lo specchio d'acqua più grande del'Italia settentrionale. E' l'ideale per concedersi un bagno rinfrescante o per dedicarsi a divertenti sport acquatici e, grazie al programma Suviana Beach, ogni estate numerosi club sportivi della zona organizzano svariate manifestazioni di surf, canoa, nuoto pinnato, pesca sportiva e persino un triathlon tutto speciale “a base” di canoa, nuoto e tiro con l'arco.

2. I BOSCHI INCONTAMINATI E LA FLORA
Oltre l'85% del territorio del Parco è ricoperto di boschi lussureggianti di castagno, acero, carpino nero, sorbo, biancospino, roverella, faggio (al di sopra degli 800-900 metri), e persino abetaie che conferiscono, in alcune zone, un tocco quasi alpestre. A queste folte distese di alberi si alternano pascoli verdeggianti, prati, radure e campi abbandonati nei quali ricominciano a fare capolino qualche coltivazione e la vegetazione spontanea tipica della zona. Numerosi anche gli alberi da frutto di varietà antiche che costeggiano le mulattiere e le case rurali.

3. LA FAUNA AFFASCINATE
Boschi sorprendenti come quelli del Parco dei Laghi di Suviana e Brasimone non possono che ospitare una fauna altrettanto ricca ed affascinante. Passeggiando tra gli alberi si posso avvistare gli splendidi cervi che popolano il Parco, del quale possono essere a pieno titolo considerati la specie più rappresentativa, oppure ci si può imbattere nelle tracce inconfondibili lasciate dai cinghiali come gli scavi sul terreno, chiamati grufolate, i bagni di fango, chiamati insogli, e i sentieri, chiamati trottoi. E' certamente più raro, ma non impossibile, incontrare, infine, i graziosi caprioli che brucano gemme e tenere foglie.

4. PANORAMICI “GEOLOGICI” MOZZAFIATO
La differente composizione geologica dei rilievi compresi nel territorio del Parco crea inevitabilmente altrettante formazioni rocciose di aspetto completamente diverso l'una dall'altra che generano repentini cambi di paesaggio che modellano e modificano l'orografia. Il modo migliore per ammirare questi suggestivi passaggi morfologici è di arrampicarsi sulle vette più elevate ed affacciarsi dai magnifici balconi panoramici.

5. VIVACI CORSI D'ACQUA CHE SOLCANO IL TERRITORIO
E' evidente che sia l'acqua una delle protagoniste dei paesaggi mozzafiato del Parco. Oltre ai due bacini di Suviana e Brasimone, infatti, sono numerosi i corsi d'acqua che si intrecciano sul territorio offrendo interessanti spunti per passeggiate alla scoperta degli scenari creati dalla fonte di vita per eccellenza. I principali torrenti che scorrono nel Parco sono il Brasimone, che nasce dal Monte Calvi, e il Limentra di Treppio. Oltre ai due corsi d'acqua principali si distinguono alcuni dei numerosi affluenti che alimentano il Brasimone, come il Rio delle Piagge, il Rio Campane, il Rio Monte Calvi, i rii Lavaccioni di Sotto e Lavaccioni di Sopra, il fosso di Ca' Fontana di Boia.

Leggi anche:
Foreste Casentinesi: 5 luoghi nel Parco che lasciano senza fiato
Gessi Bolognesi: il Parco carsico che riduce lo stress
Foreste Casentinesi: le più colorate d'Italia


CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati