Cerca nel sito
biodiversità alpi orobie

Alpi Orobie, tornano le specie autoctone

Nel Bergamasco a essere valorizzate sono oggi le razze simbolo della ricchezza locale

Capra 
Istock
Capra 
Un tempo animali dimenticati, nel presente rappresentano invece il simbolo della biodiversità intrinseca ai luoghi naturali locali tutti da salvare. E non parliamo di piante o ambiente, ma di quelle specie che sostenute da un progetto recente della Regione Lombardia, tornando a essere i testimoni della biodiversità orobica. Siamo quindi nelle Alpi Orobie e i soggetti in questione hanno nomi strani e storie antiche. E queste ultime indicano la continuità con una tradizione agroalimentare davvero storica.

Come racconta l’Eco di Bergamo, la Capra orobica e la vacca Bruna alpina originale, specie celebrate già durante il mese di settembre all’interno del Festival della biodiversità orobica, rappresentano oggi un patrimonio naturale e agroalimentare tutto da salvare. La vacca Bruna alpina, è per esempio un animale adatto a tutte le situazioni estreme della montagna, che insieme alla Capra orobica, originaria della Val Gerola, che dopo aver contribuito al sostentamento e alla produzione di formaggi locali è stata a lungo tempo schiacciata dalla presenza di razze considerate più produttive, tornano a interessare allevatori e cultura locale.

Un cambio di obbiettivo realizzato grazie anche a un presidio di allevatori bergamaschi e valtellinesi. «Latte, carne e formaggi di queste due razze tipiche delle nostre valli – dicono gli associati all'Eco di Bergamo – possono oggi costituire un veicolo straordinario di promozione agroturistica del territorio e della sua biodiversità».

E dalle specie prettamente animali, viene poi riscoperto anche un ortaggio iconico del luogo: il mais di qualità Spinato di Gandino e il Rostrato di Rovetta fino all'Orobico. Un segno ancora più forte della volontà di dare spazio alle spinte naturali del territorio, promuovendo e supportando tutte quelle testimonianze vegetali e animali che nelle Alpi Orobie sono nate e cresciute come metafora della particolarità dell’ecosistema locale. 
Saperne di più su NATURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100