Cerca nel sito
Cattolica Acquario Emilia romagna novità

Acquario di Cattolica: cosa è cambiato quest'anno

Dopo la lunga chiusura causata dal Covid-19, il secondo acquario più grande d'Italia ha riaperto con nuove misure di sicurezza e molte novità

Acquario di Cattolica, Emilia Romagna, 
©Acquario di Cattolica
Acquario di Cattolica, Emilia Romagna, 
Cattolica sembra aver guadagnato, col sudore, una "nuova normalità". Sopratutto con la recente apertura dell’Acquario di Cattolica, il secondo acquario più grande d’Italia, che ha ricominciato ad accogliere il pubblico dopo la lunga chiusura causata dal Covid-19. Si potranno finalmente rincontrare gli squali toro più grandi d’Italia, le lontre giocherellone, i buffi pinguini di Humbolt, i rettili esotici e miriadi di pesci e organismi multicolori. Ovviamente, per un'apertura in totale sicurezza, sono state varate importanti misure per garantire la sicurezza e la serenità dei visitatori.
 
Le misure per la sicurezza 
 
Ecco, riassumendo, le principali: la postazione di rilevazione della temperatura corporea prima dell’accesso, la segnaletica dedicata, mediante simpatici “bolloni” a terra, per favorire il giusto distanziamento fisico sia in biglietteria sia di fronte alle vasche espositive, dispenser di gel virucida e battericida lungo il percorso, oltre, naturalmente alla garanzia di pulizie straordinarie, ripetute con frequenza. Per accedere, sarà obbligatoria la mascherina per l’intera durata della visita e il rapporto fra addetti a biglietterie, shop pubblico, nei punti di contatto avverrà attraverso pannelli in plexiglas i cosiddetti “parafiato”.

 
L'Acquario più grande dell'Adriatico, secondo per estensione in Italia
 
Con una superficie di 110.000 metri quadrati, l’Acquario di Cattolica abbraccia uno spazio espositivo con vasche e teche che ospitano 3.000 esemplari di oltre 400 specie diverse, e un’ampia area verde esterna. Gli esemplari più impressionanti sono indubbiamente gli squali toro che nuotano nella vasca centrale dell’acquario. Con una lunghezza che arriva a 3 metri e un peso fino a 150 kg, questi squali sono i più grandi d’Italia. 
 
All’Acquario di Cattolica si può fare anche la conoscenza della lontra più piccola al mondo, la lontra dalle piccole unghie orientale, un mammifero di indole giocosa proveniente dalle paludi del Bangladesh e da altri paesi asiatici. Le fa compagnia il caimano nano del Sud America, forse il più piccolo esemplare di alligatore esistente. Ma l'elenco di tutte le specie che si possono incontrare sarebbe davvero lungo.
 
Invece, per questioni di sicurezza, quest'anno non sarà consentito il contatto con la vasca tattile. Si potrà comunque assistere agli appuntamenti con le cibature degli animali, naturalmente a distanza intrapersonale regolamentata. A sorpresa, spunta addirittura una novità: la nuova postazione “Coralli” all’interno del percorso Tropicale.

 
I biglietti: meglio online
 
Per favorire il distanziamento e aumentare la sicurezza, si raccomanda di preacquistare il biglietto online. In cambio, si ottengono vantaggi esclusivi: innanzitutto si garantisce il proprio posto in acquario nella data scelta. Inoltre, acquistando online si ottengono sconti e promozioni che alle casse non saranno disponibili. 
 
“C’è stato un momento in cui abbiamo deciso di superare lo sconforto e di riaprire - dichiara Patrizia Leardini, General Manager del Polo Romagna - sapendo che i numeri non ci avrebbero restituito una stagione compromessa, pur di garantire il lavoro a chi collabora con l’Acquario da oltre 20 anni. Il polo intero impiega 500 persone in estate, fra fissi e stagionali, alle quali vogliamo garantire la dignità del lavoro.  D’altra parte nelle difficoltà noi siamo romagnoli e siamo gente di mare, non ci fermiamo per una tempesta. I parchi insieme alle attività del territorio, sono un volano fenomenale per l’attrattiva della riviera. In questi giorni i miei collaboratori stanno ricontattando gli hotel per dire che noi ci siamo: facciamo ripartire l’estate” .
 
Cosa fare a Cattolica
 
Cattolica è il centro balneare più a Sud della Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna, a circa venti chilometri da Rimini, al confine con le Marche. La città vanta con orgoglio le sue origini marinare e un’antica tradizione di ospitalità che risale a quando era luogo di transito e sosta per i viandanti che percorrevano la via Flaminia (200 a.C.). Dotata di un’efficiente organizzazione ricettiva, di recente si è rinnovata grazie ad un esteso intervento di riqualificazione urbana che ha coinvolto piazze, giardini e spazi pubblici. Nel 2008 ha inaugurato anche il porto turistico.
 
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati