Cerca nel sito
Oli Dop Italia Toscana Chianti Classico

Toscana, il più buono per la ribollita

Non solo vino in terra di Chianti. Ecco l'oro toscano dalle note aromatiche che rende inconfondibile il sapore dei piatti tipici della regione.

chianti, paesaggio, vino, olio, pizza
iStock
Paesaggio del Chianti con pizza, olio e vino
Il Chianti: quella parte di Toscana delimitata a nord dai dintorni di Firenze, a est dai Monti del Chianti, a sud dalla città di Siena e a ovest dalle vallate della Pesa e dell'Elsa. Terra di antiche tradizioni da secoli produce il vino Chianti Classico e non solo: qui nasce anche l'olio dop, altra punta di diamante dell'intera economia agricola di Toscana.

LA TRADIZIONE. Civilizzato in tempi remoti, prima dagli Etruschi, di cui esistono testimonianze legate principalmente al mondo del vino, e poi dai Romani, il Chianti durante il Medioevo fu terra di continue battaglie fra le città di Firenze e Siena. Proprio in questo periodo nacquero villaggi e badie, castelli e roccaforti che vennero successivamente  trasformate in parte in ville e residenze, quando i tempi si calmarono. Ecco allora che ai grandi boschi di castagni e querce venne sottratto spazio per le coltivazioni della vite e dell'olivo, che acquistarono progressivamente importanza economica e fama internazionale. Un riconoscimento particolare della zona di produzione è stata la promulgazione di un editto del 1716 con il quale il Duca Cosimo III tracciava i confini dell'area di produzione riconoscendo la qualità delle attuali produzioni olivicole e viticole della zona. Nel 1819 il "Trattato teorico-pratico completo sull'ulivo" di G. Tavanti indicava già le principali cultivar esistenti nella zona del Chianti Classico.

LA DENOMINAZIONE. Ha ottenuto la DOP nel 2001 e la denominazione si riferisce al territorio di produzione.

LE CARATTERISTICHE. L'olio extravergine di oliva Chianti Classico è prodotto con olive costituite per almeno l'80% da piante delle varietà Frantoio, Correggiolo, Moraiolo e Leccino da sole o congiuntamente, e per un massimo del 20% da piante di altre varietà della zona. Ha un colore da verde intenso a verde con sfumature dorate, un odore netto di olio di oliva e fruttato e un sapore piccante e leggermente amaro.

IL TERRITORIO. La zona di produzione si estende a numerosi comunic della provincia di Siena e Firenze e corrisponde a quella del vino Docg "Chianti Classico": da Castellina in Chianti a Gaiole in Chianti, da Greve in Chianti a Radda in Chianti ed, in parte, Barberino Val d'Elsa, Castelnuovo Berardenga, Poggibonsi, San Casciano, Val di Pesa e Tavernelle Val di Pesa.

LA PRODUZIONE. Ne vengono prodotti annualmente circa 80.000 litri. Sul fronte export, il 40% della produzione è destinato all'Italia, mentre il restante 60% alle esportazioni. In particolare, se Germania, Svizzera, Usa e Giappone rappresentano mercati consolidati, tra quelli emergenti si affacciano Brasile e Cina, mentre in Europa i Paesi dell'Est come la Romania.

LA CULTURA. Al Museo Archeologico del Chianti senese, nel comune di Castellina in Chianti, fino al 30 aprile è in programma la mostra "Sull'Olio. Oro del Mediterraneo dall'Antichità ad oggi" , finalizzata alla valorizzazione dell'olio come prodotto locale di eccellenza. La mostra si compone di quattro teche allocate nel suggestivo atrio della Rocca, proprio al termine del percorso espositivo permanente del Museo, con reperti che testimoniano le diverse tipologie di utilizzo dell'olio da parte dell'uomo, sin dall'antichità, e da alcuni pannelli didascalici che offrono un contributo storico-scientifico. Tra questi, ve ne è uno che riporta la storia e la situazione attuale della produzione olearia nel territorio chiantigiano, realizzato in collaborazione con il Consorzio della DOP Olio Chianti Classico. Sono previste inoltre interessanti ed originali iniziative di degustazione di olio locale.

LA CUCINA. La presenza di note aromatiche rende quest'olio ottimo su insalate, carni alla brace, minestre a base di legumi e su piatti della tradizione Toscana come la ribollita, la zuppa di farro, la minestra di fagioli e la panzanella.

CHIANTI E DINTORNI: LE FOTO

Leggi anche:
Sicilia, l'olio del vulcano
Saperne di più su LE VIE DELL'OLIO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100