Cerca nel sito
Italia Oli Dop Sicilia Val di Mazara

Sicilia: armonie di sapore nella Val di Mazara

Diodoro Siculo ricorda gli uliveti di Agrigento e non a caso: dal Vallo di Mazara arriva un olio armonico adatto ad ogni condimento

agrigento,templi,sicilia,valle
Thinkstock
 Valle dei Templi
Il Vallo di Mazara è una zona della Sicilia dal terreno permeabile, asciutto ma non arido, e dal clima mediterraneo subtropicale: ha contribuito in modo notevole allo sviluppo economico e alle attività commerciali, grazie al vino e all'olio dop, il Val di Mazara.

LE VIE DELL'OLIO DOP IN ITALIA: TUTTI GLI ITINERARI

LA TRADIZIONE. Durante la colonizzazione greca (ne è testimone Diodoro Siculo che ricorda gli uliveti di Agrigento) il commercio di olio era un'importante risorsa economica e veniva esportato soprattutto dalla provincia di Agrigento, continuando ad incrementare un progressivo sviluppo nel corso dei secoli. Fra il Quattro e il Cinquecento esistevano a Palermo parecchi trappeti, ossia gli antichi frantoi, mentre a Monreale, nelle cui campagne l'olivicoltura appare abbastanza diffusa, gli abitanti lamentavano nel 1516 di dover molire le olive nell'unico frantoio dell'Arcivescovo.

LA DENOMINAZIONE. L'olio Dop Val di Mazara ha ottenuto dalla Comunità Europea il riconoscimento di Denominazione di Origine Protetta nel gennaio 2001. Il territorio da cui proviene era cosi definito sin dai tempi dei Romani e dei Bizantini ed ha costituito il più vasto compartimento in cui era divisa la Sicilia, da oriente a occidente, dal Basso Medioevo al 1812, quando fu riaggregato in nove distretti raccolti in tre Valli: Val di Mazara, Val di Noto e Valdemone, con capoluoghi Palermo, Girgenti e Trapani.

LE CARATTERISTICHE. Si presenta con colore giallo oro dalle sfumature di verde intenso, un odore di fruttato tendente anche alla mandorla e il sapore fruttato, vellutato con retrogusto dolce. Il caratteristico aroma di quest'olio viene conferito anche dalla diffusa presenza di carciofeti, agrumeti e mandorleti nella zona di produzione. Viene ottenuto dalle seguenti varietà di olivo presenti, da sole o congiuntamente negli oliveti, per almeno il 90%: Biancolilla, Nocellara del Belice, Cerasuola. Possono, ma possono concorrere in misura non superiore al 10% altre cultivar come Ogliarola Messinese, Giaraffa e Santagatese. La raccolta delle olive viene effettuata a partire dall'inizio dell'invaiatura e non deve protrarsi oltre il 30 dicembre di ogni campagna oleicola. Le operazioni di molitura devono avvenire entro due giorni dalla raccolta.

IL TERRITORIO. La zona di produzione del Val di Mazara comprende tutti i comuni della provincia di Palermo e, per quel che riguarda i comuni della provincia di Agrigento: l'intero territorio amministrativo dei comuni di Alessandria della Rocca, Bivona, Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Cattolica Eraclea, Cianciana, Lucca Sicula, Menfi, Montallegro, Montevago, Ribera, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita del Belice, Sciacca, Villafranca Sicula. Dal giugno del 2000 è stata costituita La Strada del Vino e dei Sapori Val di Mazara, un percorso che si articola all'interno di un'area dove vigneti e cantine si alternano a bellezze naturali, attrattive culturali e storiche, anche attraverso i sapori tipici della tradizione e della natura, le attività artigianali e le opere d'arte. E' stata una zona crocevia di popoli, luogo di incontro di razze e di culture ognuna della quale ha lasciato il suo segno.

LA PRODUZIONE. La produzione di olive per ettaro non può essere superiore a 8000 kg negli oliveti specializzati, con una resa in olio massima del 22%. Il 70 per cento non rimane in Sicilia, ma viene esportata negli Stati Uniti dove l'olio è particolarmente apprezzato. A produrlo sono circa 10 mila olivicoltori, frantoiani e imbottigliatori, pari all'80% del totale dei produttori presenti nel territorio.

LA CULTURA. Non si può non citare la gloriosa Valle dei Templi, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, uno dei maggiori complessi archeologici del Mediterraneo: conserva uno straordinario patrimonio monumentale e paesaggistico che comprende i resti dell'antica città di Akragas e il territorio ad essa circostante sino al mare.

LA CUCINA. è un olio armonico adatto a ogni alimento, ideale per condire pesce alla brace, pesce al cartoccio, insalate, carpacci di carne e verdure cotte.

VAL DI MAZARA E DINTORNI: LE FOTO

ALTRE DOP IN SICILIA
MONTE ETNA
MONTI IBLEI


Leggi anche:
Puglia, l'olio perfetto con il pane

Saperne di più su LE VIE DELL'OLIO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100