Cerca nel sito
formaggi dop italia lombardia nostrano valtrompia

Lombardia: quando il gusto è "nostrano"

FORMAGGI DOP - Prodotto nelle stesse aziende agricole in cui avviene la mungitura del latte, ogni forma di Nostrano Valtrompia assume caratteristiche uniche legate al pascolo da cui proviene.

Nostrano Valtrompia: formaggio a Km zero
Courtesy of ©http://www.nostrano-valtrompia.it/
P { margin-bottom: 0.21cm; } LE VIE DEI FORMAGGI DOP DI TURISMO.IT

Tra i verdi pascoli dell'omonima valle alle porte di Brescia nasce il Nostrano Valtrompia DOP, un formaggio che ha mantenuto inalterate nel corso dei secoli le proprie tecniche di produzione legate alla particolare conformazione del territorio e alla pratica della transumanza tuttora diffusa nella zona.

LA TRADIZIONE Come suggerisce il suo stesso nome, il Nostrano Valtrompia è profondamente legato alla zona di origine ed alle tecniche tradizionali di produzione ed allevamento, quali la pratica della transumanza, ancora oggi molto diffusa. La conformazione del territorio della valle del Bresciano, infatti, caratterizzata da alpeggi ad alta quota che superano i 1.800 metri di altitudine, impervi e difficili da raggiungere, ha impedito lo sviluppo dell'industrializzazione legata alla trasformazione del latte il cui trasporto a seguito della raccolta e della mungitura risulta estremamente difficoltoso. Proprio per questo ancora oggi la lavorazione del formaggio è spesso affidata alle stesse aziende agricole che producono il latte, garantendo uno standard molto elevato di genuinità e tipicità. Il livello qualitativo di questo formaggio, il legame profondo che instaura con l'ambiente in cui viene confezionato e la tradizione secolare nella lavorazione di prodotti lattiero-caseri che caratterizza la Valtrompia sin dal 1.400, gli hanno permesso di essere insignito del prestigioso marchio.

LA DENOMINAZIONE Riconosciuta nel 2010 e ratificata a livello comunitario nel 2012, la denominazione Nostrano Valtrompia fa riferimento alle sole forme prodotte nel territorio della DOP, che comprende i comuni della valle della provincia di Brescia ed un confinante territorio montano appartenente al comune di Gussago, secondo i criteri dettati dal Disciplinare. Per riconoscerle bisogna verificare la presenza del marchio identificativo, caratterizzato da un semiellisse delimitato nella parte superiore dalla dicitura Nostrano ed in quella inferiore dalla dicitura Vatrompia. Al centro della figura sono indicate le iniziali (NVT) in lettera maiuscole. Oltre al logo del formaggio, ripetuto più volte assieme al numero di matricola sullo scalzo, su una delle facce può essere apposto un disco di carta recante nuovamente il marchio identificativo affiancato da quello comunitario.

LE CARATTERISTICHE Prodotto tutto l'anno con latte di vacche di razza bruna, il Nostrano Valtrompia viene ottenuto seguendo il processo di lavorazione tipico dei formaggi di tipo “grana” ma con la particolare aggiunta di zafferano che lo rende davvero unico e caratteristico. Si tratta di un formaggio semigrasso a pasta extra dura confezionato in forme cilindriche del diametro di 30-45 centimetri, altezza di 8-12 centimetri e peso compreso tra gli 8 e i 18 chilogrammi. La crosta, di consistenza molto dura, presenta colorazioni che variano dal giallo bruno al rossastro. La pasta racchiusa al suo interno è dura ma non eccessivamente granulosa e può presentare occhiature di dimensioni medio-fini uniformemente distribuite. E' di colore giallo paglierino con tendenza a sfumature giallo verdi. Il sapore è molto intenso ed aromatico, privo di note acide nelle forme a maturazione minima (12 mesi) e lievemente pungente in quelle più stagionate. Per conservarlo in maniera ottimale, occorre custodirlo in ambienti non troppo caldi a temperatura compresa tra i 9 e i 14 gradi.

LA PRODUZIONE Sono 20 gli alpeggi legati alla produzione di Nostrano Valtrompia e 50 le aziende che lo confezionano sia in quota sia a fondo valle. La produzione estiva rappresenta circa il 10% di quella totale che ammonta, annualmente, a circa 1.200 quintali di formaggio.

LA CULTURA Terra ricca di cultura e tradizione, la Val Trompia regala agli appassionati una moltitudine di tipicità tutte da scoprire. Il modo migliore per farlo, è quello di partecipare ad una delle rassegne dedicate ai prodotti tradizionali che ogni anno si susseguono nei comuni della valle, come quella che ormai da cinque anni anima, in primavera, il centro di Gardone Valtrompia. Si tratta della mostra mercato Fiori Colori e Sapori, nata con lo scopo di promuovere le attività florovivaistiche e i prodotti tipici della gastronomia e dell'artigianato locali. Sugli stand è possibile acquistare e gustare salumi, miele, marmellate e formaggi o scegliere oggetti artistici, di antiquariato o di artigianato per abbellire le proprie case. La rassegna ospita, inoltre, diversi eventi collaterali e i prodotti di comuni esterni alla valle.

IL TERRITORIO Meta ideale per gli appassionati della vacanze nella natura incontaminata, la Val Trompia è una destinazione estremamente versatile che si presta ad essere visitata sia in estate che in inverno. Nei mesi più freddi, quelli in cui le cime delle Alpi sono imbiancate dalla neve tanto cara agli sciatori, mete come Giogo del Maniva e l'Alpe Pezzato richiamano numerosi turisti attratti dalle bellissime piste da sci. In estate, invece, i suggestivi percorsi montani sono la scelta ideale per tutti quei viaggiatori che amano praticare l'escursionismo lontano dalle destinazioni più battute dal turismo di massa. La tradizione legata all'attività siderurgica nella zona, diffusa sin dall'epoca dei Romani, ha favorito la nascita di un vero e proprio parco dedicato alla lavorazione del ferro e ha reso l'antica Via del Ferro e delle Miniere un interessante itinerario da intraprendere con tutta la famiglia. Lungo il suo percorso, infatti, tra boschi, sentieri di trekking e ristoranti tipici, sorgono divertenti parchi avventura come quello di Miniera Avventura nel quale si attraversa il corso di un fiume sospesi su un cavo d'acciaio. E per un soggiorno all'insegna del relax, il Lago d'Iseo offre numerose possibilità per chi vuole godere dei bellissimi scenari circostanti. Ci si può rilassare in riva al lago o visitare, con una delle numerose minicrociere, le località che si affacciano sulle sue sponde. Si può godere delle caratteristiche atmosfere di Monteisola, la più grande isola lacustre abitata del Paese, dove si può circolare soltanto con biciclette o motocicli, o immergersi nei pittoreschi scenari offerti dalle colline della Franciacorta. Gli appassionati di bird watching troveranno la propria dimensione nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino mentre per lasciarsi incantare da un panorama d'eccezione, l'appuntamento è alla riserva naturale Piramidi di Zone dove l'erosione dell'acqua ha creato delle particolari formazioni simili a colonne di pietra che possono raggiungere i 30 metri di altezza.

IN CUCINA Adatto all'abbinamento con miele, confetture di frutta ed ortaggi, che ne esaltano il sapore nelle degustazioni, il Nostrano Val Trompia può essere usato anche come ottimo ripieno per i casoncelli, uno dei piatti più diffusi sul territorio, o per arricchire primi piatti a base di pasta fresca o ricette gratinate. Se lungamente stagionato si presta ad essere grattugiato ed usato come condimento insieme all'olio extravergine d'oliva per un semplice ma gustoso piatto di pasta. Ottimo anche al naturale, si sposa gradevolmente a vini come il Lugana DOC, il Sebino IGT, il Curtefranca DOC, il Garda Classico Rosso Superiore DOC o, infine, ad etichette rosé come il Valtenesi Chiaretto DOC o il Franciacorta Rosé DOCG.

VALTROMPIA, L'AROME DELLE ALPI BRESCIANE: LE FOTO


ALTRE DOP IN LOMBARDIA

GRANA PADANO: IL FORMAGGIO DEMOCRATICO
GORGONZOLA: QUELLE MUFFE CHE DELIZIANO IL PALATO
NEL VARESOTTO SFUMATURE DI CAPRINO
Saperne di più su LE VIE DEL FORMAGGIO
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100