Cerca nel sito
Venti Futuristi, mostra, Ancona

Venti futuristi soffiano ad Ancona

Palazzo del Duca di Senigallia: fino al 2 luglio le opere del secondo futurismo 

Le forze della curva
Maria Chiara Salvanelli Press Office & Communication
Tullio Crali - Le forze della curva, 1930
Il Palazzo del Duca di Senigallia apre la nuova stagione espositiva con la mostra intitolata Venti futuristi. Come si intuisce dal titolo la mostra vuole subito sottolineare la carica innovativa che il movimento futurista porta nella regione marchigiana e non solo, un vento di cambiamento che non coinvolge solamente le arti figurative, ma tutti gli aspetti del vivere quotidiano, provocando un rinnovamento radicale negli stili di vita. Venti sono anche gli artisti esposti in mostra, dai firmatari del primo manifesto dell’arte futurista (1909) come Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Fortunato Depero e Gino Severini, ai loro giovani seguaci quali Ivo Pannaggi, Sante Monachesi, Umberto Peschi, Wladimiro Tulli, Gerardo Dottori e Tullio Crali.
 
PERCHE' ANDARE
 
Curata da Stefano Papetti, l'esposizione presenta oltre cinquanta opere tra cui dipinti, disegni, studi per abiti, incisioni, prove grafiche ed elementi legati all’arredo della casa, al fine di accendere i riflettori sugli sviluppi che il Futurismo ha avuto nelle Marche a partire dal 1922 quando  presso il Convitto Nazionale di Macerata il giovane pittore Ivo Pannaggi organizza una mostra di opere di Balla, Boccioni, Carrà e Depero. Da quel momento nasce a Macerata un nutrito gruppo di pittori e scultori futuristi che pongono le basi per un un primo approccio ai movimenti di avanguardia in una regione – le Marche - rimasta sino ad allora estranea al rapido processo di rinnovamento che andava interessando l’arte nazionale. La mostra che getta luce sulla ‘seconda stagione’ del futurismo espone in un dialogo costante e serrato i capolavori dei firmatari del primo manifesto del Futurismo, come “Linee forza di mare” di Balla o l'autoritatto di Boccioni accanto alle varie manifestazioni della creatività futurista come disegni per tessuti arredi prove tipografiche, modelli di abiti complementi di arredo tessile per la casa, disegni e caricature.
 
DA NON PERDERE
 
Una sezione della mostra è dedicata all’aero pittura, declinazione pittorica del futurismo, in cui il mito della macchina e della modernità raggiunge il suo apice, ponendo come oggetto centrale delle composizioni la velocità dell’aeroplano, come accade nelle visioni aree degli artisti marchigiani Crali, Dottori e Monachesi. Un posto speciale è riservato alla creatività femminile che, soprattutto nelle Marche e in Umbria, riesce a superare la misoginia insita nelle teorie futuriste e a ritagliarsi un ruolo di tutto rispetto nel movimento, soprattutto nelle arti applicate, come testimonia, tra gli altri esempi, lo splendido arazzo disegnato da Leandra Angelucci Cominazzini.
 
Venti futuristi 
Fino al 2 luglio 2017
Luogo: Palazzo del Duca, Senigallia (AN)
Info: 366 679.79.42
Sito: www.comune.senigallia.an.it
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Marche
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100