Cerca nel sito
Maya, mostre Verona 2016

A Verona la bellezza e il mistero Maya 

Al Palazzo della Gran Guardia oltre 250 opere raccontano il fascino di una delle civiltà più interessanti dell’America precolombiana

Maya
Arthemisia
Incensiere - Mayapán, Yucatán - Periodo Post-Classico Tardo (1250-1527 d.C.)
A 18 anni di distanza dalla mostra del 1998 sui Maya di Venezia, torna in Italia il racconto della storia di un popolo che non cessa di affascinarci per le sue conoscenze matematiche, per i suoi raffinatissimi sistemi calendariali e per le sue realizzazioni artistiche. Si tratta della mostra “Maya. Il linguaggio della bellezza” che al Palazzo della Gran Guardia di Verona presenta oltre 250 opere provenienti dai principali musei del Messico. L'esposizione affronta per la prima volta il tema della cultura di questo antico popolo attraverso le parole e i testi degli stessi Maya, grazie ai risultati delle ultime ricerche scientifiche e in particolare alla decifrazione della loro scrittura. I visitatori potranno così leggere direttamente i testi Maya senza sfuggire a temi avvincenti come le profezie.

FOTO: I SEGRETI DEI MAYA IN 13 TAPPE
 
Perchè andare
Il percorso espositivo mette in scena sculture, stele monumentali, elementi architettonici, figure in terracotta, maschere in giada, strumenti musicali e incensieri, in modo tale da esplorare gli aspetti artistici di una delle civiltà più affascinanti della storia, attraverso il tema universalmente riconosciuto della bellezza. Le sezioni della mostra individuano i maestri, le scuole e gli stili consentendo al visitatore di rapportarsi alle opere attraverso una lettura storico-artistica e non solo archeologica. In mostra straordinari capolavori dell’arte maya come il Portastendardi, pregiata scultura risalente all’XI secolo realizzata da un maestro del celebre complesso archeologico di Chichen Itza, a nord della penisola dello Yucatan, inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo moderno. E poi ancora la Testa raffigurante Pakal il Grande, re di Palenque (oggi tra i più importanti siti archeologici maya situato nello stato messicano del Chiapas) e la Maschera a mosaico di giada raffigurante un re divinizzato tipico esempio di maschera funeraria, fondamentale per il defunto per raggiungere il mondo sotterraneo.
 
Da non perdere
Fra le opere in esposizione segnaliamo l’Adolescente di Cumpich, imponente scultura risalente al periodo tardo classico ritrovata nel sito archeologico di Cumpich. Ricordiamo infine che la civiltà maya è spiegata anche attraverso la ricostruzione di antiche architetture, utensili della vita di tutti i giorni che hanno cavalcato millenni come collane, orecchini, strumenti musicali, vasi e incensieri tutti provenienti dai più importanti musei messicani. 

FOTO: I SITI ARCHEOLOGICI MAYA PIU' BELLI
 
Maya. Il linguaggio della bellezza
Fino al 5 marzo 2017
Luogo: Palazzo della Gran Guardia, Verona
Info: 045 853221
Sito: www.mayaverona.it
 
 
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100