Cerca nel sito
Pop Art, mostra, Roma

Pop City: la rivoluzione nella Roma anni '60

Da Schifano a Kounellis una mostra racconta la rivoluzione della Pop Art nella Roma degli anni '60 con 100 opere 

Uomini statistici
Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura
Renato Mambor - Uomini statistici (fondo blu), 1962
Apre oggi i battenti al pubblico al Macro di via Nizza la mostra Roma Pop City 60-67 che vede come protagonista la Roma dei primi anni ’60, trasformata e rivissuta mediante l’immaginario visivo degli artisti della cosiddetta Scuola di piazza del Popolo. Si tratta di uno dei momenti più esaltanti per la città di Roma, ricca di stimoli intellettuali e sperimentazioni, in cui gli artisti dell'epoca si riappropriano di una città in rapida trasformazione e definizione trasformandola in arte, mediante un immaginario visivo dove appunto Roma, i suoi spazi, le componenti urbane, la segnaletica stradale, la pubblicità, i monumenti ma anche la natura e l’ambiente diventano ispirazione per una diversa impostazione figurativa, iconica e non descrittiva e che supera completamente i canoni commerciali e produttivi.
 
Perchè andare
Il percorso espositivo, a cura di Claudio Crescentini, Costantino D’Orazio, Federica Pirani, presenta  oltre 100 opere, fra dipinti, sculture, fotografie, installazioni e anche film d’artista e documentari, ad opera di Franco Angeli, Nanni Balestrini, Gianfranco Baruchello, Umberto Bignardi, Mario Ceroli, Claudio Cintoli, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Jannis Kounellis, Sergio Lombardo, Francesco Lo Savio, Renato Mambor, Gino Marotta, Titina Maselli, Fabio Mauri, Pino Pascali, Luca Maria Patella, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Cesare Tacchi, Giuseppe Uncini. La mostra racconta una nuova realtà artistica internazionale che ha dato vita, con il superamento della pittura Informale degli anni Cinquanta, ad un immaginario fortemente attratto dal contesto urbano e dalle icone della società e del consumo di massa, ma anche dal recupero dell’immagine e della figurazione storica dei movimenti italiani del primo Novecento, su tutti il Futurismo e la Metafisica.
 
Da non perdere
A partire dal settembre 2016 saranno realizzati una serie d’incontri con artisti, personalità della cultura e studiosi del settore, mentre l’ufficio Didattica del MACRO proporrà laboratori e visite guidate rivolte alle scuole di ogni ordine e grado, università e accademie, adulti e famiglie, con un'attenzione particolare rivolta al mondo della disabilità, tramite l'attivazione di specifici percorsi didattici.
 
ROMA POP CITY 60-67
Dal 13 luglio al 27 novembre 2016
Luogo: MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma
Info: 060608
Sito: www.museomacro.org
 
 
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati