Cerca nel sito
MAXXI, fotografia, Italia, Roma

L'Italia ci guarda da Roma

Al MAXXI 40 maestri della fotografia italiani e internazionali raccontano l'Italia tra bellezza, contraddizioni e uno sguardo al futuro

Mondello Beach
Ufficio Stampa MAXXI
Massimo Vitali - Mondello beach, Palermo, 2007
Fino al 23 ottobre 150 immagini esposte al MAXXI raccontano l’Italia nelle sue molteplici, a volte contraddittorie, sfaccettature. Si tratta di “Extraordinary Visions. L’Italia ci guarda” che curata da Margherita Guccione si articola nelle 4 sezioni Arte, architettura, cultura; Res publica; Paesaggi contemporanei; Città, comunità, lavoro. In ognuna di queste sezioni un focus è dedicato ai nuovi orizzonti, alle ricerche cioè che contaminano i linguaggi del video e della fotografia come l’installazione di Petra Noordkamp dedicata a Gibellina, l'installazione di Alterazioni Video dedicata alle architetture incompiute in Sicilia,  la “velocizzazione” cui Olivo Barbieri sottopone le quasi 8.000 immagini de “La città perfetta” e il video sul tema dell’immigrazione del reporter Francesco Zizola.
 
Perché andare
A partire dai lavori presenti nella collezione della Fondazione, il percorso espositivo presenta immagini di paesaggi sublimi e compromessi dal degrado, città ideali e periferie abusate, architetture d’autore e spazi urbani ai margini, comportamenti e costumi, protagonisti dell’arte e del mondo del lavoro, contraddizioni e pluralità che connotano l’identità del Bel Paese, immortalati dagli obiettivi, tra gli altri, di Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin, Franco Fontana, Giovanni Gastel, Luigi Ghirri, Mimmo Jodice, Armin Linke, Ugo Mulas, Ferdinando Scianna, Hiroshi Sugimoto, Massimo Vitali. Le immagini in mostra sono arricchite da video e photoscreening e dal progetto speciale, Inside Out di JR, photo-graffeur di origine francese e identità non rivelata, vincitore del TED Prize 2011, cui il MAXXI ha aderito con il lavoro Costruiamo la comunità del XXI secolo, a cura del Dipartimento Educazione: un caleidoscopio di ritratti “multietnici” di grande espressività, frutto di un workshop con la scuola Guido Alessi, installati sulla facciata esterna della “Palazzina D”, l’ex caserma nella piazza del Museo.
 
Da non perdere
In mostra anche il progetto Corpi di Reato di Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco e Fabio Severo: 35 fotografie di piccolo formato e la grande stampa Fascicoli del “Maxi Processo 1986-1987, Palermo” che raccontano le mafie invisibili e diffuse e che entreranno a far parte della collezione del MAXXI Architettura. Ricordiamo che in occasione della mostra alcuni fotografi, tra cui Letizia Battaglia, Tommaso Bonaventura, Giovanni Gastel, Alessandro Imbriaco e Fabio Severo, saranno protagonisti di una serie di incontri sul loro lavoro.
 
Extraordinary Visions. L’Italia ci guarda
Fino al 23 ottobre 2016
Luogo: MAXXI, Roma
Info: 06.320.19.54
Sito: www.fondazionemaxxi.it
 
 
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati