Cerca nel sito
Guttuso, mostra, Torino

Guttuso in mostra a Torino per i 50 anni del '68

Alla GAM le maggiori opere firmate Guttuso di soggetto politico e civile

Renato Guttuso 
Foto: Matteo Monti, courtesy Istituzione Bologna Musei | MAMbo
Renato Guttuso - Funerali di Togliatti, 1972
Nella ricorrenza del cinquantenario del ‘68, la GAM di Torino dedica un'importante mostra alla pittura di Renato Guttuso presenza di forte rilievo nella storia dell’arte italiana del Novecento e figura nodale nel dibattito concernente i rapporti tra arte e società. Curata da Pier Giovanni Castagnoli, con la collaborazione degli Archivi Guttuso, la mostra raccoglie e presenta circa 60 opere provenienti da importanti musei e collezioni pubbliche e private europee. In esposizione alcune delle più significative tele di soggetto politico e civile dipinte dall’artista lungo un arco di tempo che corre dalla fine degli anni Trenta alla metà degli anni Settanta.
 
PERCHE' ANDARE
 
Il percorso espositivo riconsidera il rapporto tra politica e cultura, nei dipinti di Guttuso raccogliendo alcune importanti opere di soggetto politico e civile. L'esposizione prende le mosse dalla “Fucilazione in campagna” del 1938, ispirato alla fucilazione di Federico Garcia Lorca, per giungere alla condanna della violenza nazista, nei disegni urlati e urticanti del “Gott mit uns” (1944) e successivamente le opere nuove per stile e sentimento come la “Marsigliese contadina”, 1947 o “Lotta di minatori francesi”, 1948. Il racconto per immagini approda, poi negli anni Sessanta a risultati di partecipe testimonianza militante, come in “Vietnam” (1965) o a espressioni di partecipe affettuosa vicinanza, come avviene, nel richiamo alle giornate del maggio parigino, con “Giovani innamorati” (1969) e più tardi, in chiusura della rassegna, a quel compianto denso di nostalgia che raffigura i “Funerali di Togliatti” (1972) e in cui si condensa la storia delle lotte e delle speranze di un popolo e le ragioni della militanza di un uomo e di un artista.
 
DA NON PERDERE
 
L'iniziativa offre anche un repertorio variegato di opere di differente soggetto: ritratti e autoritratti, paesaggi, nature morte, nudi, vedute di interno, scene di conversazione. Quadri tutti coevi ai tempi di esecuzione dei dipinti di ispirazione politica e sociale, selezionati con il proposito di offrire indiscutibile prova dei traguardi di alta qualità formale conquistati da Guttuso nell’esercizio della sua pittura. La mostra è accompagnata da un catalogo, edito da Silvana Editoriale, con saggi di Pier Giovanni Castagnoli, Elena Volpato, Fabio Belloni, Carolyn Christov-Bakargiev e un’antologia di scritti di Renato Guttuso.
 
RENATO GUTTUSO L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ‘68 
Fino al 24 giugno 2018
Luogo: GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino
Info: 011-0881178
Sito: www.gamtorino.it
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100