Cerca nel sito
A Cavallo del Tempo, mostra, Firenze

Gli Uffizi di Firenze raccontano il cavallo

Nella Limonaia del Giardino di Boboli il rapporto fra uomini e cavalli

A Cavallo del Tempo
CIVITA
Urna con scena di trasporto agli Inferi, I secolo a.C.
Racconta l'antico rapporto dell'uomo con il cavallo la mostra ospitata nella settecentesca Limonaia del Giardino di Boboli e che rimarrà aperta fino al 14 ottobre. La rassegna “A cavallo del tempo. L’arte di cavalcare dall’Antichità al Medioevo”, curata da Lorenza Camin e Fabrizio Paolucci presenta una selezione di opere d'arte, oggettistica di uso comune e reperti di crani di cavalli morti durante le battaglie che sono in grado di narrare le mille sfaccettature di una relazione che coinvolgeva ogni aspetto della vita quotidiana.
 
PERCHE' ANDARE
 
Il percorso, incentrato soprattutto sul mondo italico, è articolato in cinque sezioni, ognuna delle quali è dedicata a un particolare momento storico: la Preistoria, il mondo greco e magno greco, il mondo etrusco e venetico, l’epoca romana e il Medioevo. Fra i numerosi reperti che, per la prima volta, saranno restituiti alla curiosità del pubblico figura il carro di Populonia. Questo rarissimo esempio di calesse etrusco, rinvenuto alla metà del XX secolo nella cosiddetta Fossa della Biga, è stato ricomposto a seguito del recente intervento di restauro, eseguito proprio in occasione di questa mostra. L’opera, realizzata in legno, ferro e bronzo e databile agli inizi di V secolo a.C., costituiva un veicolo ad andatura lenta destinato al trasporto di personaggi di alto rango.
 
DA NON PERDERE
 
Di particolare suggestione due crani equini rinvenuti durante gli scavi della necropoli occidentale di Himera e oggi conservati presso il Museo Pirro Marconi del Parco Archeologico di Himera. Nel 480 a.C., a Himera, i Siracusani sconfissero i Cartaginesi in un violento scontro che portò alla morte di centinaia di soldati e cavalieri. In prossimità del luogo della battaglia sono state rinvenute fosse comuni e tombe destinate ai corpi dei caduti, affiancate da sepolture equine. Gli esemplari esposti in mostra presentano morsi ad anello bronzei, un tipo di imboccatura nota prevalentemente in area iberica, che sembra confermare la presenza di mercenari ispanici entro le fila dell’esercito cartaginese, come testimoniato anche da Erodoto (VII, 165)
 
A cavallo del tempo. L’arte di cavalcare dall’Antichità al Medioevo
Fino al 14 ottobre 2018
Luogo: Firenze, Limonaia del Giardino di Boboli
Info: www.uffizi.it
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100