Cerca nel sito
Carlo Fornara, mostra, Domodossola

Fornara e le radici del Divisionismo a Domodossola

A Casa De Rodis retrospettiva dedicata a Carlo Fornara

Carlo Fornara
StudioEsseci
Carlo Fornara – Le lavandaie
Apre oggi presso Casa De Rodis di Domodossola una retrospettiva su Carlo Fornara proposta dalla Collezione Poscio e curata da Annie-Paule Quinsac. È la mostra “Carlo Fornara. Alle radici del Divisionismo (1890 – 1910)” che  si focalizza in modo diretto sui due decenni che intercorrono tra il 1890 ed il 1910, gli anni di maggiore creatività e capacità innovativa del maestro di cui ricorre il cinquantenario della scomparsa. Nato a Prestinone nel 1871 in una umile famiglia contadina della Val Vigezzo, Fornara, grazie al precoce talento, ebbe accesso ai corsi di pittura, disegno e ornato presso la locale scuola d’arte Rossetti Valentini di Santa Maria Maggiore.  Tra il 1894 ed il 1895, a Lione Fornara si avvicina alla corrente pittorica del neoimpressionismo, che si manifesta nell’opera “En plein air”, rifiutata nel 1897 dalla terza Biennale di Brera, ma apprezzata da Giuseppe Pellizza da Volpedo e Giovanni Segantini, due dei maggiori esponenti della corrente divisionista.
 
PERCHE' ANDARE
 
Il percorso espositivo presenta una importantissima selezione di tele, alcune delle quali oggetto di interventi di restauro realizzati proprio in funzione della loro esposizione in questa mostra, affiancate da una sezione riservata ai disegni del maestro. Si comincia con le tele degli anni 
Novanta dell’Ottocento quando Fornara elabora un linguaggio luminista di pittura materica a spatola e pennellate a effetto smalto”. Questa “prima maniera” sarà destinata a mutare per l'incontro/confronto con il simbolismo di Giovanni Segantini, cui va a fare da assistente nell’agosto 1898 a Maloja in Engadina. Così nel primo decennio del nuovo secolo l'artista mostra una pittura dagli esiti europei e internazionali. È il caso delle opere “Chiara pace”, “L’aquilone”, “Fontanalba”, “Ombre e luci”, presenti in mostra tutte caratterizzate dalla sperimentazione divisionista, che, superando via via l’influenza dei temi e della visione segantiniana, giunge ad un modo assolutamente originale.
 
DA NON PERDERE
 
La mostra offre l’opportunità di scoprire, o riscoprire Casa De Rodis, edificio nobiliare di origine medievale, esempio tra i più affascinanti dell’architettura storica ossolana. Casa De Rodis, acquisita dalla Collezione Poscio e da questa completamente restaurata, è sede di mostre di grande qualità, che promuovono artisti e collezioni di territorio ma di valore universale.
 
CARLO FORNARA. Alle radici del Divisionismo 1890-1910
Dal 25 maggio al 20 Ottobre 2019
Luogo: Domodossola, Casa De Rodis
Info: 347.7140135
Sito: www.collezioneposcio.it
 
 
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100