Cerca nel sito
Estinzioni, mostra, Trento

Estinzioni ed altre catastrofi al MUSE di Trento

Al Museo delle scienze si raccontano gli effetti devastanti delle crisi ecosistemiche con un interessante mostra che intreccia paleontologia, biologia e società

Dodo
Ufficio Stampa Muse
Il Dodo
E' nata da un progetto di ricerca e divulgazione scientifica sviluppato grazie a un cofinanziamento MIUR, la mostra che il Museo delle Scienze di Trento presenta al pubblico fino al 26 giugno 2017. Si tratta di Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità, un vero e proprio racconto che intreccia i contributi della paleontologia, della biologia e dello studio della società per leggere gli effetti devastanti delle crisi ecosistemiche, ma anche per riflettere sulle occasioni inattese che si aprono proprio nei momenti di maggiore instabilità. L’estinzione è infatti un rumore di fondo che da sempre accompagna la storia della vita. In alcuni momenti la scomparsa delle specie si è concentrata in quelli che chiamiamo eventi di “estinzione di massa” che hanno tinto di imprevedibilità la storia evolutiva.
 
Perchè andare
Il percorso espositivo mette in dialogo le ricerche e le riflessioni sulla sesta estinzione di massa, ovvero la crisi ecologica che stiamo vivendo, con le dinamiche che hanno caratterizzato le cinque grandi estinzioni paleontologiche avvenute negli ultimi 500 milioni di anni. Per la mostra sono quindi stati selezionati i più significativi reperti originali di vertebrati estinti in tempi storici preservati presso i musei italiani, dallo scheletro di un grande dinosauro sauropode (l’unico di questo tipo esposto in un museo italiano) che accoglie il pubblico all’ingresso della mostra, al celebre cranio di Homo neanderthalensis “Guattari I”, il più completo preservato nel nostro paese. I reperti esposti permettono così di conoscere il destino delle specie più carismatiche ormai scomparse e di addentrarsi fra le pieghe di vicende meno note, ma altrettanto illuminanti.
 
Da non perdere
Il percorso della mostra è inoltre arricchito da raffinate installazioni multimediali, video e animazioni originali, interviste e spazi interattivi. Fra i documenti inediti anche interventi filmati eccellenti, quello di Severn Cullis-Suzuki, la bambina, divenuta oggi un’impegnata attivista ambientale, che nel 1992 “zittì” il mondo con il suo intervento all’ONU in difesa del futuro del pianeta. 
 
Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità
Fino al 26 giugno 2017
Luogo: MUSE - Museo delle Scienze, Trento 
Info: www.muse.it
 
 
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Trentino - Alto Adige
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100