Cerca nel sito
Gli animali nell’arte, mostra, Brescia

A Brescia il ruolo dell'animale nella pittura

A Palazzo Martinengo 80 capolavori documentano il ruolo dell'animale nell'arte

Luca Giordano 
CLP
Luca Giordano - Ratto di Europa
A partire da oggi le sale di Palazzo Martinengo a Brescia ospiteranno la mostra “Gli animali nell’arte dal Rinascimento a Ceruti” che consentirà al visitatore di comprendere come l'animale abbia da sempre avuto un ruolo fondamentale nella grande pittura antica. Infatti, i più grandi maestri del Rinascimento, del Barocco e dell’Età dei Lumi, da Raffaello a Caravaggio, da Guercino a Tiepolo fino a Ceruti, hanno spesso dipinto animali sia in rappresentazioni autonome che in compagnia dell’uomo, soprattutto in occasione di commissioni ufficiali da parte di nobili e aristocratici.
 
PERCHE' ANDARE
 
Curato da Davide Dotti, il percorso espositivo prende avvio indagando la presenza dell'animale nella pittura a soggetto sacro e mitologico e mettendo in evidenza le simbologie e i significati ad esso connessi, per poi addentrarsi in sale tematiche dedicate a cani, gatti, uccelli, pesci, rettili e animali della fattoria, spesso raffigurati in compagnia dell'uomo. Nell'ultima sezione, invece, sono protagonisti gli animali esotici come scimmie, pappagalli, dromedari, leoni, tigri, elefanti, struzzi. Non mancano gli animali fantastici, figli cioè della fervida vena creativa degli artisti. Tra i pittori in mostra segnaliamo Guercino, Ceruti, Bachiacca, Grechetto, Campi, Cavalier d'Arpino, Giordano e Duranti che giungeranno a Brescia da musei, pinacoteche e collezioni private italiane ed estere.
 
DA NON PERDERE
 
Fra le opere in mostra segnaliamo quattro capolavori del Pitocchetto per la prima volta esposti in una mostra pubblica, fra i quali spicca la sorprendente e modernissima coppia di tele raffiguranti “Vecchio con carlino” e “Vecchio con gatto”. Vengono, inoltre, presentate alcune tele inedite recuperate dal curatore in collezioni private italiane, tra cui lo splendido “Ritratto di gentiluomo con labrador” del maestro fiorentino Lorenzo Lippi, la “Venere, amore e cagnolino vestito da bambina” del pittore veneziano Pietro Liberi e l'inteso “Ritratto di ragazzino con cane” del genovese Domenico Fiasella. Di Giorgio Duranti, artista bresciano settecentesco specializzato nella pittura a soggetto animalier, il pubblico può ammirare cinque meravigliose opere, tra cui il “Ritratto di poiana” di collezione privata, i “Due tarabusi” dell'Accademia Carrara di Bergamo e l'inedito “Nido di gazze ghiandaie” scoperto di recente in una raccolta privata bresciana.
 
GLI ANIMALI NELL’ARTE. DAL RINASCIMENTO A CERUTI
Dal 19 Gennaio al 9 Giugno 2019
Luogo: Brescia, Palazzo Martinengo
Info: 327.3339846
Sito: www.animalinellarte.it
 
 
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100