Cerca nel sito
Isole Vergini relitto Pearl Harbor

Virgin Gorda, dove il wreck diving incontra l’arte

Alle Isole Vergini Britanniche, un sito di immersioni diventa galleria subacquea

Kodiak Queen
Photo Owen Buggy Photography - Rob Sorrenti
La Kodiak Queen mentre viene allestita
PERCHE’ SE NE PARLA
The British Virgin Islands Tourist Board (BVITB) ha annunciato la nascita di un originale progetto che mixa arte contemporanea, diving, storia e tutela della fauna marina. Si chiama Project YOKO B.V.I. Art Reef, ed è un’iniziativa che ha trasformato il relitto della Kodiak Queen, una delle cinque imbarcazioni scampate all'attacco di Pearl Harbor, in una barriera artificiale e installazione d’arte sommersa. Flora e fauna sono libere di proliferare sul relitto, mentre chi si avventura nel diving ha la possibilità di osservare la vita marina e questa particolare forma di arte subaquea. Un progetto unico nel suo genere che riunisce la tutela dell’ecosistema marino delle BVI, incredibili esperienze di wreck diving e nuove forme di espressione artistica in un unico sito al largo dell’isola di Virgin Gorda.


 
PERCHE’ ANDARE
Le Isole Vergini Britanniche sono un paradiso terrestre, marino e sottomarino. Gli amanti del diving di tutto il mondo vengono qui per ammirare la ricca vita subaquea, ma in particoalre l’isola di Virgin Gorda permette di fare incredibili esperienze di wreck diving. Ovvero immergersi alla scoperta di relitti navali, oggi divenuti veri e propri ecosistemi marini, alcuni molto antichi. Tra i più affascinanti, il relitto del Rhone, oggi Parco Marittimo Nazionale delle Isole, e le tre navi che formano il celebre 'Vicolo dei Relitti'.
 
DA NON PERDERE
La Kodiak Queen, imponente nave cargo che in tempo di guerra era nota come YO-44, è oggi simbolo vivente di rinascita e rigenerazione grazie a Project YOKO B.V.I. Art Reef. Scampata a Pearl Harbor, nel 2012 venne riscoperta in un deposito rottami dallo storico Mike Cochran, che creò un sito web per salvarla dalla rottamazione. Fu così che il fotografo Owen Buggy, amico di Richard Branson, venne a conoscenza dell’imbarcazione e propose al patron della Virgin di ridarle nuova vita. Lo scorso 11 aprile è stata calata nelle profondità marine, portando con sé una gigantesca installazione: un Kranken in armatura metallica, una sorta di polipo gigante i cui tentacoli l’avvolgono fino a 25 metri di lunghezza. Una scultura subacquea pensata per recuperare e preservare l’ecosistema marino a rischio. Grazie a un programma formativo ad hoc il grande pubblico potrà conoscere meglio questa delicata tematica.
 
PERCHE’ NON ANDARE
Non ci sono ragioni per non andare in vacanza alle Isole Vergini Britanniche! Probabilmente l’unico ostacolo è il costo del viaggio e del soggiorno, piuttosto esclusivo. 
 
COSA NON COMPRARE
Visto l’equilibrio precario dell’ambiente marino e l’impegno profuso per proteggere la flora e la fauna locale, evitate di toccare o danneggiare i coralli. E possibilmente non acquistateli. 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Isole Vergini Britanniche
  • A caccia di relitti tra le acque  vergini
    ©Shutterstock

    A caccia di relitti tra le acque vergini

    Tortola, Anegada, Virgin Gorda: sono solo le più importanti delle isole che formano l'arcipelago delle Vergini Britanniche, paradiso per le immersioni
  • Isole Vergini: il ritorno dell'ibis rosso
    Neckerisland.virgin.com

    Isole Vergini: il ritorno dell'ibis rosso

    Nel paradiso tropicale britannico si potrà ammirare la rarissima specie dell'ibis rosso. A cominciare dall'eco-resort sull'isola di Necker, isola privata del magnate Richard Branson
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati