Cerca nel sito
Venezia Veneto Biennale Architettura 2016

Venezia, alla Biennale il weekend degli architetti

La terza città italiana per turismo è diventata la capitale dell'architettura e del design, tra party e luoghi simbolo

Venezia
Courtesy of ©iStock
Venezia
PERCHE' ANDARCI In occasione della Biennale di Architettura, Venezia è la terza tappa dell'edizione 2016 di ArchitectsParty. Si svolgerà fino all’8 luglio, e condurrà gli appassionati di settore e gli addetti ai lavori all'interno di noti studi veneziani, per visitare le location creative in genere poco accessibili e conoscere architetti e lavori. Gli studi coinvolti nella tappa veneziana lavorano sia a livello italiano che internazionale: C&P Architetti, cfk architetti, Corde Architetti Associati, Elisabetta Fabbri e Giovanni Di Vito architetti, F&M ingegneria, Giuliano-Fanti Architetti, H&A Associati, Sergio Pascolo Architechts, Studio Architetti Mar, TAMassociati. I partecipanti potranno votare online la serata più divertente, l’allestimento più suggestivo o il migliore dj set, cliccando su www.towant.eu
.
PERCHE’ ANDARCI Venezia, universalmente considerata tra le più belle città del mondo, ovviamente patrimonio UNESCO, è la terza città italiana, dopo Roma e Milano, con il più alto flusso turistico. Soprattutto in occasione delle Biennali, famose in tutto il mondo. Tra i luoghi di queste manifestazioni, spicca l’Arsenale, il più vasto centro produttivo d’epoca preindustriale: è particolarmente importante per la città, non solo perché in questo complesso di cantieri, officine e depositi si costruivano le flotte della Serenissima, ma anche perché era il simbolo della potenza economica, politica e militare della città. Il primo nucleo risale agli inizi del 1200 e si sviluppa ai lati della Darsena Vecchia. All’inizio del Trecento si realizza il primo ampliamento con la costruzione della Darsena Nuova e, nel secolo successivo, l’Arsenale subisce ulteriori trasformazioni dovute alle crescenti esigenze navali e militari della Serenissima. 
 
DA NON PERDERE  Sede tradizionale delle Esposizioni d'arte della Biennale fin dalla prima edizione nel 1895, i Giardini sorgono verso il margine orientale di Venezia. Furono realizzati da Napoleone, agli inizi dell'Ottocento: oggi ospitano 29 padiglioni di paesi stranieri oltre al Padiglione Centrale. Alcuni padiglioni dei Giardini sono stati ideati e realizzati da celebri architetti. Il padiglione dell'Austria, eretto nel 1934, è una delle ultime opere di Josef Hoffmann, il maestro della “Secessione”; quello dell'Olanda è stato costruito nel 1954 da Gerrit Thomas Rietveld, maestro del movimento De Stijl; quello della Finlandia è un prefabbricato a pianta trapezia progettato da Alvar Aalto, montato nel 1956 con parti arrivate dalla Finlandia. 
 
PERCHE' NON ANDARCI La città veneta è bellissima, unica, indimenticabile. Ma durante i mesi troppo caldi gli odori del fiume sono davvero poco piacevoli, a prova di molletta per il naso.
 
COSA NON COMPRARE Penso che ci siano poche cose, nel mondo, più brutte dello pseudo cappello da gondoliere in paglia, con tanto di fascetta azzurra con impressa la scritta "Venezia". Poi ho visto le palle di neve di Piazza San Marco e ho cambiato idea.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati