Cerca nel sito
Vampiro Umbria bambino scheletro

Umbria, trovato un bambino 'vampiro'

Tornano alla luce i resti di una particolarissima (e inquietante) sepoltura 

Panorama di Lugnano in Teverina
istockphotos
Lugnano in Teverina
PERCHE' SE NE PARLA
La scoperta è inquietante, e si inserisce in un contesto altrettanto da brividi. è stato trovato un nuovo scheletro di bambino o bambina (ancora non è stato determinato il sesso) sepolto come si usava fare con i presunti vampiri, o con coloro a cui si voleva impedire il ritorno nel mondo dei vivi. Lo scheletro è infatti stato seppellito in posizione fetale, con una pietra in bocca che, secondo un'antica tradizione pagana, gli avrebbe impedito di risorgere e di diffondere il suo male. Si presume infatti che il bimbo avesse la malaria. La scoperta è stata fatta all'interno della cosiddetta Necropoli dei Bambini di Lugnano in Teverina (Umbria, provincia di Terni), un luogo di sepoltura adiacente all'antica villa romana di Poggio Gramignano dove sino ad oggi sono stati riportati alla luce i resti di oltre 50 bambini e neonati.
 
PERCHE' ANDARE
Si tratta di una scoperta inquietante, che aggiunge un tassello da brividi alla già inquietante location. La Necropoli dei Bambini è oggetti di scavi dagli anni '80, quando fu rinvenuta la prima sepoltura adiacente alla villa romana abitata fino al II o III secolo. Scavando, vennero alla luce i resti di decine di bambini, specialmente neonati, che sembravano essere stati sepolti in fretta e furia nel V secolo. Nelle tombe, evidenze di riti magici fanno presumere che fossero stati vittime di una epidemia che si cercava di scongiurare. Pietre, resti di animali, bambole 'vodoo' sono diversi gli espedienti magici e rituali con i quali si scongiurava il ritorno dei morti viventi e del vampirismo. 
 
DA NON PERDERE
E' possibile visitare gli scavi della villa romana accanto alla quale si trova la necropoli dei bambini. Ma molti dei reperti trovati sul sito sono oggi visibili in un museo all'interno del municipio di Lugnano, l'Antiquarium Comunale. Accanto a mosaici, terracotte, utensili, e ceramiche si possono osservare le anfore dentro le quali sono stati trovati alcuni degli scheletri dei bimbi più piccoli.
 
PERCHE' NON ANDARE
Il sito archeologico non è adatto ai deboli di cuore, vista la triste storia che porta con sé. Se vi emozionate facilmente, meglio optare per uno dei tantissimi altri siti della regione. In ogni caso, Lugnano in Teverina è un bellissimo borgo dove potrete ammirare ben altro. 
 
COSA NON COMPRARE
Non sono molti i souvenir, se non alcune specialità enogastronomiche e l'oggettistica artigianale che si trova durante eventi e mercatini.

Se amate l'Umbria, ecco dove soggiornare nella bellissima Assisi 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100