Cerca nel sito
Israele vegani ristoranti vegetariani a Tel Aviv

Tel Aviv, la capitale mondiale del veganesimo

Qui c'è la più alta percentuale di vegani al mondo, addirittura il 5 % della popolazione. I luoghi e i ristoranti da non perdere

Tel Aviv
Courtesy of © iStock
Tel Aviv
PERCHE' SE NE PARLA Tel Aviv è la capitale mondiale del veganesimo, la città con la più alta percentuale di vegani al mondo, addirittura il 5 % della popolazione. Secondo lo Chef Harel Zakaim: “In Israele, ci sono molti vegani e quando il ristorante ha aperto ce ne erano 20.000 solo a Tel Aviv. 3 anni dopo l’apertura del ristorante vegano, ce ne sono 40 000”. “Questo è il paese più vegetariano del mondo”, aggiunge Omri Paz, organizzatore del festival “Vegan Fest”.
 
PERCHE' ANDARCI Tel Aviv è famosa in tutto il mondo per essere “la città che non si ferma mai”, prima città ebraica moderna costruita in Israele, nonché centro dell’economia e della cultura nazionale. Estesa per 14 km lungo il Mediterraneo, la sua architettura ha subito l’influenza di numerose correnti, tra cui la famosa scuola tedesca Bauhaus, che si é concentrata nelle attuali aree di Rothschild Boulevard e Dizengoff Center. Oltre 20 i musei presenti: i principali sono il Museo della Terra di Israele (Ha’aretz) e il museo d’Arte di Tel Aviv. Da visitare anche l' HaYarkon Park, il suo porto e la New Promenade, dove ogni giorno centinaia di persone si tengono in forma.
 
DA NON PERDERE Shakshukia (Ben Yehuda St 94), Falafel Hakosem (Shlomo ha-Melekh St 1), Frishman Falafel & Frishman Sabich (Frishman St 42), Mashya (Yafo) e Falafel Gabay (Dizengoff St 269): questi i ristoranti preferiti in città, dove si sposano cultura vegetariana e tradizione.  Da non perdere il Bar Kayma, Hamashbir 22, e il Buddha Burgers, in Yehuda Halevi 21.
 
PERCHE’ NON ANDARCI La situazione di sicurezza in Israele è in costante evoluzione e fa registrare  tensioni da diversi mesi. Permangono rischi potenziali  nelle aree e nelle immediate vicinanze di Libano e Siria, incluso il Golan.  Si raccomanda di limitare allo stretto necessario anche i viaggi nelle aree desertiche confinanti con il Sinai.
 
COSA NON COMPRARE Candelabri ebraici in tutte le dimensioni e colori, stelle di David e copricapo tradizionali: qui è la religione a farla da padrona. Poi tanti braccialetti e ciondoli, tazze e spezie. Tra le cose più brutte che potrete trovare, un grembiule da cucina con le principali attrazioni turistiche. Tremendo.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Israele
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati