Cerca nel sito
Tamigi scarpa Vichinghi

Tamigi, ritrovato un mocassino vichingo

Il letto del fiume ha custodito per mille anni una scarpa

Fiume Tamigi
istockphotos
Tamigi
PERCHÉ SE NE PARLA
Un ‘archeologo’ amatoriale ha trovato una scarpa immersa nel fango della foce del fiume Tamigi. Secondo le analisi degli esperti, si tratterebbe di un oggetto risalente alla prima metà dell’anno 1000, quando il territorio era abitato dagli Anglo Sassoni e dai Vichinghi che occupavano diverse zona dell’Inghilterra prima dell’invasione normanna che portò alla battaglia di Hastings nel 1066. La scarpa sembrerebbe proprio di origine vichinga, e risalirebbe precisamente a quell’epoca. Si tratta di una sorta di mocassino in cuoio, che il fango del letto fluviale ha conservato ottimamente, tanto che si possono ancora notare le deformazioni dovute al tallone e all’alluce (era una scarpa di misura troppo piccola?).
 
PERCHÉ ANDARE
Il Tamigi è un fiume che si associa inesorabilmente a Londra, ma il suo bacino idrografico è stato storicamente fondamentale per lo sviluppo di tutta l’Inghilterra. Non è facile stabilirne la lunghezza, perché la sua foce non è definibile con esattezza, ma lungo il suo percorso sorgono decine di cittadine (Oxford, fra le altre) e centinaia di porti. Circa 30 chilometri dopo il centro di Londra, il suo letto comincia ad allargarsi e le sue acque a gettarsi nel mare, creando un tratto dove emergono terre alluvionali come Canvey Island. Sulla foce del Tamigi si trova uno dei più grandi parchi eolici d’Europa. 
 
DA NON PERDERE
Le terre sabbiose che si diramano dalle rive del fiume ed emergono dalle mareggiate sono l’habitat di numerose foche. Sono diverse le colonie lungo le coste dell’Essex e del Kent, e negli ultimi anni gli avvistamenti dei mammiferi marini sono quadruplicati, anche grazie a diversi interventi di salvaguardia di questo delicato ecosistema. Si tratta di foche comuni e alcuni esemplari di foche grigie. 
 
PERCHÉ NON ANDARE
Con buone probabilità il Tamigi è più pittoresco nel tratto che va da Londra verso la sorgente. Lungo il percorso sorgono deliziose cittadine di campagna e centri urbani con una notevole storia. La foce non è esattamente un luogo di particolari attrattive turistiche.
 
COSA NON COMPRARE
La foce del Tamigi non è una località turistica o un territorio particolarmente battuto, quindi, salvo qualche negozio nei piccoli centri costieri, non avrete granché da acquistare.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Regno Unito
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati