Cerca nel sito
Neanderthal pitture rupestri Spagna

Spagna, l’uomo di Neanderthal è stato il primo artista 

Contrariamente a ciò che si è sempre creduto, non è l’uomo moderno ad aver inventato l’arte

Arte paleolitic
istockphotos
Pitture rupestri
PERCHE’ SE NE PARLA
E’ una scoperta che rivoluziona la nostra conoscenza dell’evoluzione umana. Tanto che Science ne ha fatto il tema di copertina, riportando uno studio che afferma una nuova ‘verità’: l’uomo di Neanderthal è stato il primo artista della storia. Si è sempre creduto che solo l’Homo sapiens, ovvero l’uomo moderno, fosse l’artefice delle pitture rupestri sino ad oggi scoperte. Al contrario, dell’uomo di Neanderthal si pensava addirittura che l’incapacità di concepire l’astrazione fosse una delle cause della sua non-evoluzione. E invece le nuove tecnologie hanno permesso di ri-datare alcune pitture rupestri in 3 diverse grotte della Spagna: è emerso che si tratta di primordiali opere d’arte risalenti a 65.000 anni fa. Almeno 20.000 anni prima dell’arrivo dell’Homo Sapiens in Europa. I nostri ‘cugini’ estinti (ancora non si ha certezza sulle cause della loro scomparsa) non erano affatto rozzi quanto si è creduto finora. Tutt’altro: sono i primi artisti della storia dell’umanità. O almeno di quella conosciuta fino ad oggi.
 
PERCHE’ ANDARE
Le grotte dove sono state trovate le pitture ri-datate all’epoca Neanderthaliana si trovano in 3 diverse località spagnole, distanti l’una dall’altra. Si tratta della grotta La Pasiega (Cantabria), Maltravieso (Extremadura), e Ardales (Andalucía). La prima fa parte del circuito Unesco delle grotte paleolitiche – che include le più famose Grotte di Altamira – e vi si trovano figure di animali e pitture di diverse epoche. La seconda è insolitamente inclusa nel contesto urbano di Càceres, e presenta le figure di mani al negativo in ocra rossa, punti e linee geometriche. La terza presenta differenti motivi, tra cui mani, animali, flora, risalenti a diverse epoche. 
 
DA NON PERDERE
Se la tecnica impiegata per datare le pitture rupestri erroneamente attribuite all’Homo Sapiens venisse utilizzata in tutte le grotte europee, potremmo trovarci di fronte ad una possibile rivoluzione nella conoscenza dei nostri antenati. Nel frattempo, se vi interessano le pitture rupestri in Spagna, probabilmente sono le Grotte di Altamira quelle che forniscono lo spettacolo più eclatante: 270 metri di passaggi, camere, tunnel disseminati di opere d’arte paleolitiche.
 
PERCHE’ NON ANDARE
Prima di intraprendere il viaggio verso le Grotte di Altamira è bene sapere che i visitatori possono solo ammirarne una fedele ricostruzione. Questo perché le grotte sono state chiuse al pubblico a causa dei danni che l’afflusso di persone recava ai dipinti rupestri. 
 
COSA NON COMPRARE
Troverete il bisonte, ‘simbolo’ delle pitture paleolitiche, in qualsiasi forma, dimensione, supporto. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Spagna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati