Cerca nel sito
Spagna Catalogna Tarragona Ferrari Parco

Spagna, il nuovo parco della Ferrari 

A Tarragona prende vita Red Force, la montagna russa più alta e veloce d’Europa

Ferrari Land
©Ferrari Land
Ferrari Land
PERCHE' SE NE PARLA
Nasce Ferrari Land, il primo parco in Europa dedicato, lo stesso nome lo conferma, alla Ferrari, uno dei brand italiani più forti a livello internazionale. Trattasi di un parco a tema, a Tarragona, una città che dista circa un’ora di auto da Barcellona. Si trova all’interno della struttura PortAventura World che occupa il terzo posto quale parco tematico di divertimenti più grande d’Europa. Fu aperto 22 anni fa e finora si gloria di 70 milioni di visitatori.

In uno spazio di 105 ettari la struttura presenta alberghi a quattro stelle, ristoranti e sei aree tematiche. Di queste cinque sono ispirate alle zone geografiche di cui portano il nome, la sesta è dedicata ai più piccoli. Ecco Mediterranea e Polinesia, Messico, Cina e Far West e, infine, SesamoAventura. E’ qui presente Red Force, la montagna russa più alta e veloce d’Europa, risultando pertanto l’attrazione più significativa. L’altezza rilevata è di 112 metri e, la velocità raggiunta in 5 secondi è di  180 km/ora.  Grazie allo scudo del Cavallino di 9 tonnellate e di 12 metri, Red Force si intravede già in lontananza, ancora prima di entrare a PortAventura,.

PERCHE' ANDARCI
Il territorio di Tarragona è situato nella Spagna orientale, in particolare nella zona sud della Catalogna. Il litorale rappresenta  il rilevante marchio turistico della Costa Dorada. La città ne è il nucleo principale, custodisce il Complesso Archeologico di Tárraco, iscritto nell’elenco del Patrimonio dell'Umanità dell’UNESCO. Proprio come il monastero cistercense di Poblet, anch’esso parte integrante del Patrimonio dell’Umanità. Interessante risulta tutto l’Itinerario Cistercense in cui primeggiano i monasteri di Santes Creus e Valbona de les Monges. Quanti, infine, amano lo sport, possono beneficiare dei diversi parchi naturali che la provincia possiede. 

DA NON PERDERE
La Societat econòmica d'amics del país de Tarragona nel 1832 fondò,  in una zona di sua proprietà, il "Museu nacional arqueològic". Ma dal 1982 risulta, invece, alle dipendenze del dipartimento della cultura della generalità della Catalogna. Attualmente la necropoli come anche il Museo paleocristiani e le zone archeologiche delle ville di Centcelles e di El Munts, integrano e arricchiscono il Museo archeologico.

COSA NON COMPRARE
Ballerine di flamenco in tutte le forme e tipologie. Meglio puntare alle interessanti produzioni di vino. Degno di nota, in particolare, l’Itinerario del Vino e del Cava del Penedés. Veramente tante, anche, le tradizionali ricette che si possono degustare; si pensi, per esempio, alla calçotada, cioè ai cipollotti tipici arrostiti e allo xató cioè scarola con acciughe e baccalà. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Spagna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100