Cerca nel sito
Scoperta archeologia Siberia occidentale

Siberia occidentale, il mistero dell'uomo uccello

Lo sciamano rivestito di becchi di gnu e airone scoperto in una tomba risalente a 5mila anni fa 

Siberia Occidentale, natura
iStock
Siberia Occidentale, natura
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperto in Siberia lo scheletro di un antico sciamano, una sorta di "uomo uccello", rivestito di becchi di gnu e airone. Questo risalirebbe all'Età del Bronzo ed è stato rinvenuto in una tomba di 5.000 anni fa. Si ritiene che risalisse alla cultura Odinov, la quale dominava la regione della Siberia occidentale. La ricercatrice Lilia Kobeleva dell'Istituto di Archeologia ed Etnografia di Novosibirsk, responsabile del ritrovamento, ha spiegato che "i becchi erano riuniti sul retro del cranio, lungo il collo, come se fosse un collare a difesa del proprietario". 

PERCHE' ANDARCI
La Siberia Occidentale, che si estende tra i monti Urali e le acque dello Enisej, è la terza regione pianeggiante più estesa al mondo dopo l’Amazzonia e la pianura russa. Questa conta più di 2.000 fiumi e fiumiciattoli all’interno dei suoi confini, più lunghi di 250mila km. I fiumi più importanti della Siberia Occidentale sono l’Irtyš, l’Ob’ e lo Enisej.

DA NON PERDERE
Il Museo della grotta, sempre nella Siberia Occidentale, appartiene al complesso delle grotte di Karakol, già note dalla fine del XIX secolo. La grotta è diventata famosa grazie alla presenza di stalattiti cave. Nella grotta di argilla, inoltre, si possono vedere fiori di ghiaccio che sbocciano, ricoperti da un sottile strato di argilla rossa. Da non perdere anche la diga di Sayano-Shushenskaya, al confine tra la Siberia Occidentale e quella Orientale: nelle sue vicinanze c’è un osservatorio dal quale ammirare diga e panorama circostante. Invece il museo all’interno è visitabile solo dopo aver preso accordi con la Direzione. 

PERCHE’ NON ANDARCI    
Rinunciare ad una eventuale visita non è solo una questione di costi e di trasporti a non finire. E’ bene tener presente, infatti, che in Siberia vige un clima continentale, caratterizzato da estati brevi e calde e, talvolta, con episodi di caldo decisamente eccessivo, alternate a inverni molto lunghi ed estremamente rigidi. Non raramente, ancora, si registrano temperature al di sotto dei -50 °C

COSA NON COMPRARE
I souvenir sono rappresentati da tantissimi oggetti dorati, sia fermacapelli sia portagioie; i richiami alla natura selvaggia di queste regioni sono frequenti e forti; le matrioske, poi, piovono a bizzeffe. C’è solo l’imbarazzo della scelta.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Russia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100