Cerca nel sito
Siberia Russia Artico Isole Scoperta

Siberia, ecco come si viveva a Zhokhov 9mila anni fa

La prima prova di un insediamento umano nell'Alto Artico si trova in Russia

<span style="font-family: verdana, arial, sans-serif; font-size: 12px; font-style: normal; font-variant-ligatures: normal; font-variant-caps: normal; font-weight: 400;">isole, Siberia, ghiaccio</span>
iStock
isole, Siberia, ghiaccio
PERCHE' SE NE PARLA
Dagli studi effettuati durante gli scavi dell'isola di Zhokhov, in Russia, è stato possibile scoprire come gli antichi popoli abbiano vissuto in queste terre dell'Artico. Si è dedotto infatti che, nonostante la zona fosse scarsamente popolata, vi erano comunque dei legami commerciali con rappresentanti di altri territori anche parecchio lontani. Gli scienziati hanno effettuato gli scavi nel permafrost, coprendo una superficie di 571 metri quadrati. Nel corso dei lavori sono stati rinvenuti molti strumenti realizzati in pietra, ossa, corna, zanne e legno. 

Si tratta di armi da caccia, pezzi di slitte e diversi utensili domestici. Molti di questi manufatti erano stati costruiti con varie rocce silicee di origine locale. Mentre alcuni erano realizzati con materie prime  insolite per questa parte del mondo, come l'ossidiana o il vetro vulcanico. Tuttavia non vi è alcuna fonte di ossidiana nelle vicinanze. L'area più vicina che poteva estrarla era vicino al lago Krasnoye, che dista circa 1.500 km in linea retta. E per raggiungerlo il viaggio da compiere era di ben 2mila km. Inoltre i ricercatori hanno analizzato oltre 54.000 resti faunistici di caccia: si intuisce che gli occupanti del sito fossero cacciatori terrestri che praticavano la caccia alle renne.

PERCHE’ ANDARCI
La prima prova di un insediamento umano nell'Alto Artico si trova nel sito di Zhokhov, che pare fosse abitato già 9300-8600 anni fa, quando vivevano 25-50 persone. Allo stato attuale, il sito di Zhokhov si trova nella parte sud-occidentale della moderna isola di Zhokhov, vicino ai piedi di una collina bassa che lo protegge dal severo vento da nord-ovest. Questo posto era molto conveniente per gli antichi. 

DA NON PERDERE
Le isole Anžu o di Angiò, chiamate anche impropriamente "isole della Nuova Siberia", arcipelago di cui invece fanno parte, si trovano nell'artico russo tra il mare di Laptev a ovest e il mare della Siberia Orientale a est. Coprono un'area di circa 29.000 km², sono disabitate e coperte dai ghiacci per la maggior parte dell'anno.

PERCHE’ NON ANDARCI 
Parlare di vacanza qui è un parolone. Ma sicuramente, se raggiungete queste terre, sarà una esperienza incredibile. Indimenticabile. Attenzione però: il clima presenta temperature molto rigide, che in media variano tra i -30° dell'inverno al +1° dell'estate. Ma era inutile sottolinearlo.
 
COSA NON COMPRARE 
Se volete un ricordo della Siberia, ma ovviamente non potrete trovarle in queste terre di ghiaccio e di freddo, si trovano tantissimi gli oggetti dorati, dai fermacapelli ai portagioie; forti i richiami alla natura selvaggia di queste regioni; infine matrioske come se piovesse. A voi la scelta.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Russia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100