Cerca nel sito
Egitto Abusir Necropoli scoperta archeologia

Scoperto ad Abusir il "segreto" del faraone

La necropoli è famosa soprattutto per gli antichissimi papiri qui rinvenuti

Necropoli in Egitto, piramide
iStock
Necropoli in Egitto, piramide
PERCHE' SE NE PARLA
 Scoperti nei pressi di una piramide di Abusir, in Egitto, i resti di un complesso funerario appartenente all'"amico unico" di un faraone egiziano. Il luogo di sepoltura comprende i resti di una piccola cappella e la relativa tomba. All'interno di quest'ultima, che è stata derubata in tempi antichi, sono stati trovati i resti di una statua le cui iscrizioni si riferiscono a un sacerdote di nome Kaires, ridefinito l'"amico unico del re" e "custode del segreto della Casa del Mattino", ossia dove il faraone si vestiva e faceva colazione.

PERCHE’ ANDARCI 
Situata alcuni chilometri a nord di Saqqara, la necropoli di Abusir, famosa per i suoi antichissimi papiri qui rinvenuti, ebbe particolare importanza per le sepolture reali durante la V dinastia. Ma risulta di notevole interesse anche la necropoli dei nobili con tombe a mastaba, come quella di Ptahshepses. Ci sono un totale di 14 piramidi in questo sito, considerata la principale necropoli reale durante tale periodo storico.

Le tre piramidi principali sono quella di Neferirkare Kakai, la più alta del sito; quella di Niuserre, la più intatta; quella di Sahure, famosa per i suoi rilievi finemente scolpiti. Tra le piccole piramidi, invece, ci sono quelle incomplete di Neferefre e di Shepseskaf, quella della regina Khentkaus II, nonché quelle di Lepsius n°24 e n°25, probabilmente appartenute a due regine.

Se volete scoprire le bellezze di Sharm El Skeikh, ecco una piccola guida per un soggiorno a cinque stelle
 
DA NON PERDERE
A circa un chilometro da Abusir si trova anche il sito di Abu Gurab. La località è meglio conosciuta per i suoi siti archeologici: questi comprendono il tempio del sole del faraone Nyuserre Ini, il più grande e il meglio conservato, così come il tempio del sole di Userkaf, entrambi costruiti nel 25° secolo A.C. Inoltre, Abu Gorab è anche il sito di un cimitero della Prima Dinastia.

PERCHE’ NON ANDARCI 
A causa della sua difficile situazione economica e del rischio terrorismo comune a gran parte dei Paesi della sponda sud del Mediterraneo, l’Egitto vive un clima di instabilità che spesso sfocia in turbative per l’ordine pubblico e in azioni ostili, anche di matrice terroristica, con possibili risvolti anche contro gli stranieri presenti nel Paese. 

COSA NON COMPRARE 
Le figure che raffigurano le antiche divinità locali sono molto gettonate nei negozi per turisti. Si possono trovare statuette di diverse dimensioni, da 10 a 50 centimetri, e di diversi materiali, dalla plastica all'avorio. Ce ne sono talmente tante che sarà difficile scegliere. Se invece volete portare a casa un papiro, prestate invece molta più attenzione: si dice che quello falso sia fragile, quello vero più elastico. 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100