Cerca nel sito
Pompei Casa dell'Efebo affreschi

Pompei, quegli affreschi che parlano dell’Egitto

Quanto la cultura egiziana ha influenzato quella romana? La risposta potrebbe essere a Pompei

Scavi di Pompei
istockphotos
Pompei
PERCHE’ SE NE PARLA
Non è una scoperta di questi giorni, ma recente è l’ultimo studio pubblicato al riguardo. Gli affreschi della Casa dell’Efebo, una delle più grandi dimore dell’antica Pompei, tornano ad essere oggetto di interesse di archeologi e studiosi. In particolare lo studio, pubblicato sull’American Journal of Archaeology, riguarda le scene nilotiche che decorano una parete della domus. Ovvero immagini che evocano l’antico Egitto e la vita lungo le sponde del Nilo. Disegni che rappresentano in abbondanza la flora e la fauna del luogo, ippopotami e coccodrilli inclusi. Ma anche scene di sesso, di feste, di musica e di consumo di alcol. Scene di idillio e di divertimento. 
 
PERCHE’ ANDARE
L’edificio noto come Casa dell’Efeo è una delle domus restaurate nel maxi-progetto di recupero conclusosi nel 2015. Dopo anni di abbandono e incuria, il Grande Progetto Pompei ha ridato vita ad una serie di domus affacciate su quella che era l’arteria principale della città, Via dell’Abbondanza. E ha riportato alla luce i magnifici affreschi che le adornavano, tra cui quello a cui lo studio è dedicato. Un’occasione importante per aggiungere un ulteriore tassello al fascino di questi scavi archeologici unici al mondo.
 
DA NON PERDERE
Secondo lo studio, condotto dalla ricercatrice Caitlin Barrett del Department of Classics alla Cornell University, questi affreschi dichiarano quanto gli antichi romani fossero cosmopoliti e affascinati dalla cultura egiziana. Spesso è stato dibattuto il loro ruolo, il loro significato simbolico. Si tratta di opere che risalgono a quando l’Egitto era stato già inglobato dall’Impero Romano, e qualcuno le ha interpretate come scene di guerra o conquista. Qualcun altro ha ipotizzato si riferissero alla religione. Secondo la versione della dottoressa Barrett, si tratta piuttosto di ‘ammirazione’ e fascino verso la cultura nilotica. 
 
PERCHE’ NON ANDARE
Lo stato di degrado e abbandono del sito archeologico di Pompei è spesso oggetto di cronaca. I crolli negli ultimi anni sono stati notizia con cadenza frequente. Ma questo non dovrebbe dissuadere nell’andare a visitarla, perché si tratta a tutti gli effetti di uno dei siti più affascinanti al mondo.
 
COSA NON COMPRARE
Tra i mille gadgets e souvenir di dubbio gusto di Pompei, ce ne sono diversi a tema erotico che riprendono scene degli affreschi nelle domus. E ridicolizzano l'arte antica con l’humor più triviale. Non c'è nessun motivo per acquistarli. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Campania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100