Cerca nel sito
Oman Emirati Arabi Gara

Oman, parte oggi la gara dei cammelli

Questa regione, considerata territorio d’origine delle comunità beduine, è un polo di forte attrazione per gli amanti del deserto

Oman e cammelli
iStock
Oman e cammelli
PERCHE' SE NE PARLA 
Un evento imperdibile per gli amanti di dune e cammelli. Parte oggi la terza edizione dell’annuale gara di cammelli arabi nella città di Adam, presso il governatorato di al-Dakhiliyya nel nord-est dell'Oman. L'evento, organizzato dal Dipartimento di Al Bashair Racetrack for Arab Camels, in collaborazione con l'ufficio del Vice Primo Ministro per le Relazioni Internazionali e la Cooperazione e la Rappresentanza Speciale di Sua Maestà il Sultano, si protrarrà fino al 15 febbraio grazie all’ampia partecipazione cittadina del Sultanato e dei Paesi del GCC. 

La terza gara annuale Al Bashair Race for Arab Camels sarà composta da un maggior numero di corse rispetto ai festival precedenti, con l'obiettivo di ampliare il numero dei partecipanti alla manifestazione. Il festival prevederà infatti 83 corse in quattro giorni. L'11 febbraio 2018 sono in programma 30 corse di 4 km ciascuna, mentre il 12 febbraio 2018 saranno 25 di 5 km ciascuna. L'ultimo giorno sarà caratterizzato da un’agguerrita competizione aperta a tutti i partecipanti, con 5 gare principali e 12 km di sospensione”.
La competizione si terrà sino al  15 febbraio dalle 7 alle 10 del mattino. La gara finale si terrà invece il 15 febbraio alle 13.
 
PERCHE’ ANDARCI 
Il deserto di Ash Sharqiyah, che annovera alcune delle mete d’accampamento più suggestive del Sultanato dell’Oman, copre una superficie di circa 10.000 kmq. Questa regione, considerata territorio d’origine delle comunità beduine, è un polo di forte attrazione per gli amanti del deserto. La sua accessibilità e i suoi accampamenti a tende ne fanno una meta turistica privilegiata. Il distretto di Badiah è ritenuto una delle oasi più incantevoli ai bordi delle sabbie di Ash Sharqiyah. E costituisce inoltre il punto di partenza per le escursioni nel deserto.

DA NON PERDERE 
La storia del Wilayat di Adam risale ai tempi pre-islamici. I luoghi più importanti sono Harrat Al Ain, Harrat al Bousaid, Harrat Al Hawashim e Harrat Bani Shiban, dove sono stati rinvenuti diversi siti archeologici e Harr Al Jamii, che è più recente. La città è l'ultima oasi verde prima del deserto. Qui puoi vedere antichi forti, cittadelle e torri, moschee e souq tradizionali abbandonati. .

PERCHE’ NON ANDARCI 
I fattori di instabilità che minacciano l’intera regione dell’Oman impediscono di escludere un generale rischio di atti terroristici, anche contro cittadini stranieri. Il Paese ha un tasso di criminalità basso. Pochi i furti e quasi inesistenti le rapine. Si consiglia comunque di esercitare le normali regole di prudenza.
 
COSA NON COMPRARE 
Lampade ad olio e incensieri sono tra i prodotti artigianali più belli che si possono acquistare in zona. Ma come farsi sfuggire una bella borraccia colorata? E poi i tradizionali cappellini e tantissimi coltelli con tanto di fodero ben curato. Ma, in quest’ultimo caso, attenzione ai controlli.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per territorio
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100