Cerca nel sito
Giordania Israele Mar Morto Storia Archeologia

Mar Morto, l’ultimo segreto dei rotoli di Qumran

Scoperto un autentico calendario di 364 giorni che svela tanti dettagli della giornata ebraica

Mar Morto
©iStock
Mar Morto
PERCHE' SE NE PARLA 
Decifrato uno degli ultimi rotoli di Qumran, un ulteriore passo verso la risoluzione degli enigmi relativi ai preziosi manoscritti del Mar Morto. Tale misteriosa collezione, che conta circa 900 antichi manoscritti ebraici, è stata riportata alla luce nel 1947. La ricostruzione dei 60 frammenti di questo rotolo è stata effettuata dai ricercatori dell'Università di Haifa, in Israele. Impiegandovi circa un anno. 

Questo non sarebbe altro che un autentico calendario di 364 giorni. “Dato che questo numero può essere diviso sia per 4 che per 7, le ricorrenze speciali cadevano sempre nella stessa giornata”. Il rotolo indica le celebrazioni che segnano i cambi di stagione come "Tekufah", che in ebraico significa "periodo". Dalla scoperta si evince anche la presenza di due altre feste: quelle del Vino Nuovo e dell'Olio Nuovo, legate alla celebrazione dello Shavuot, rispettivamente 100 e 150 giorni dopo il primo Shabbat che precede la Pasqua.

PERCHE’ ANDARCI 
Il Mar Morto, ufficialmente il luogo più basso della terra, a ben 428  metri al di sotto del livello del mare,  è candidato per essere inserito tra le 7 meraviglie naturali del mondo. Queste acque, famose per i relativi alti poteri benefici, sono circondate da bellissimi e contrastanti paesaggi. Quest’area è piena di stupende attrazioni, tra sorgenti termali naturali e magnifici percorsi naturalistici. Lungo la parte principale della striscia di terra di 75 km si trovano spiagge, hotel di lusso e locali turistici.

DA NON PERDERE 
Tra le esperienze più belle da fare qui, non perdete l’Ein Bokek Beach, la spiaggia principale di questa zona. O una passeggiata tra le cascate e le rocce di Bokek River. Nei dintorni c’è Massada, il famoso altopiano sul quale gli Ebrei Zeloti si rifugiarono per difendersi dai Romani per un periodo di tre anni. Ed Ein Gedi, una bella riserva naturale piena di piante e sorgenti. Da visitare anche le Caverne della Farina e di Qumran, proprio dove furono scoperti i Rotoli. E poi il fiume Giordano, dove venne battezzato Gesù. 

PERCHE’ NON ANDARCI
In considerazione delle attuali tensioni in corso, la Farnesina raccomanda di elevare la soglia di attenzione, tenere un comportamento prudente ed evitare ogni assembramento. Nonché di limitare allo stretto necessario le visite nella Città Vecchia di Gerusalemme e nei suoi dintorni.

COSA NON COMPRARE 
Ceramiche e pietre, oggetti sacri e spezie colorate: qui è tutto così caratteristico da non poter fare a meno di portare tanti e diversi souvenir. Tanti e molto venduti anche i prodotti terapeutici a base dei sali del Mar Morto.  
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Israele
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100