Cerca nel sito
Toscana Scoperta Storia Medicina Protesi

Lucca, scoperta una protesi d'oro del '600

Storia, arte e archeologia nella bellissima città toscana: qui si trova anche il Museo Nazionale di Villa Guinigi

Lucca
©iStockphoto
Lucca
PERCHE' SE NE PARLA A Lucca è stata rinvenuta una protesi dentaria vecchia quattro secoli. Si tratta di un reperto appartenuto alla famiglia Guinigi, antica casata che dominò Lucca tra il 1392 e il 1429, la cui tomba si trova nell’omonima cappella all’interno del complesso conventuale di San Francesco. La protesi è stata ritrovata dai paleopatologi dell’Università di Pisa: si crede possa risalire agli inizi del 1600. La protesi dentale consiste in cinque denti mandibolari: tre incisivi centrali e due laterali canini legati insieme da una fascia d’oro inserita nelle radici per sostituire l’arco anteriore della mandibola. 
 
PERCHE' ANDARCI Il Museo nazionale di Palazzo Mansi, costruito tra la fine del '500 e gli inizi del ´600, nel 2017 celebra i 40 anni dalla sua apertura con una serie di incontri che si terranno sino a giugno 2017. All'interno del palazzo, oltre alla pinacoteca, abbiamo un'importante raccolta di pittura lucchese (opere di Batoni, Tofanelli, Ridolfi, Marcucci ecc.) e una collezione di tessuti, paramenti e arredi dal XVIII al XX secolo. Fate assolutamente un salto anche presso il Complesso Museale della Cattedrale e Chiesa di S. Giovanni, composto dalla Chiesa dei Santi Giovanni e Reparata (area archeologica), dal Museo della Cattedrale e dalla sagrestia del Duomo di S. Martino (dove si trova il Monumento funebre di Ilaria del Carretto).
 
DA NON PERDERE Il Museo Nazionale di Villa Guinigi ha sede in uno dei più antichi edifici della città, costruito a partire dal 1413 per volere del signore di Lucca Paolo Guinigi. Le opere esposte sono intimamente legate alla storia di Lucca, dalle origini fino al XVIII secolo. Ai piani superiori capolavori duecenteschi come la Croce Dipinta di Berlinghiero, quattrocenteschi come la Pietà di Matteo Civitali, cinquecenteschi come il Dio Padre fra S. Maria Maddalena e S.Caterina da Siena di Fra Bartolomeo o la Madonna con Bambino e Santi di Amico Aspertini, settecenteschi come l'Estasi di S.Caterina da Siena del pittore lucchese Pompeo Batoni.
 
PERCHE’ NON ANDARCI Difficile trovare una ragione per non visitare questa città così ricca di storia, arte e cultura. Anche le classifiche dicono che qui si vive davvero bene. Ma se proprio dobbiamo trovare il pelo nell'uovo, qualcuno ne parla come se fosse noiosa e smorta. E sottolineo qualcuno.
 
COSA NON COMPRARE Credevo fosse un souvenir ormai andato in prescrizione, invece le penne con il nome e le foto della città sono ancora in vendita. Tremende. Ben peggiori delle calamite. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati