Cerca nel sito
Padova Veneto Galileo Galilei Festival scienza luoghi

La Padova di Galileo Galilei

Comincia oggi la quarta edizione del Galileo Festival: tra case e chiese, ecco dove omaggiare lo scienziato...

Padova
©iStockphoto
Padova
PERCHE' SE NE PARLA Padova si trasforma in capitale italiana dell’innovazione. Comincia oggi, infatti, la quarta edizione del Galileo Festival diretto da Massimo Sideri: digitale, energia, ambiente, startup, sharing economy, alimentazione ed università sono soltanto alcuni dei temi che verranno trattati durante la tre giorni. Il programma prevede convegni, incontri, workshop, laboratori per bambini, visite guidate nelle suggestive cornici di Caffè Pedrocchi, Palazzo del Capitanio, Palazzo del Bo, Centro Culturale Altinate/San Gaetano, Palazzo della Ragione. Massima attenzione anche nei confronti della divulgazione scientifica e del rapporto tra ricerca e impresa. Tra gli ospiti, anche Piero Angela e Beppe Severgnini.
 
PERCHE’ ANDARCI L’Università di Padova, la seconda più antica in Italia dopo Bologna, rappresenta il fulcro del percorso scientifico nella città veneta. La sede storica, il Bo, conserva intatto il più antico teatro anatomico stabile del mondo ed alcuni siti storici e reperti eccellenti come la trecentesca Aula di Medicina, la cattedra di Galileo Galilei, professore a Padova dal 1592 al 1618. Per gli altri luoghi dedicati alla scienza, non dimenticate l’Orto Botanico, fondato nel 1545, la torre dell’Osservatorio, detta La Specola, nonché una miriade di Musei Scientifici, tra cui il Museo di Geologia e Paleontologia, quello di storia della Fisica e quello di Mineralogia.
 
DA NON PERDERE  Se volete omaggiare Galileo, ecco il percorso da seguire. Partite dalla casa di Gianvincenzo Pinelli, la prima dove lo scienziato dimorò, dal 1592 al 1601: qui preparò la sua prima lezione per l'Università di Padova. Procedete, ovviamente, con quella di Galileo, di fronte alla scuola "G. Pascoli", dove visse fra 1601 e il 1610: qui scoprì le lune di Giove. Inoltre presso il Palazzo del Bo Galilei insegnò tra il 1592 e il 1610, con cattedra si trova oggi nella "Sala dei Quaranta"; nella Chiesa di Santa Caterina furono battezzati i due figli Livia e Gianvincenzo; la Biblioteca del seminario di Padova, che conserva la prima edizione del "Dialogo sui massimi sistemi" (1632).
 
PERCHE’ NON ANDARCI Padova è una delle città più immeritatamente sottovalutate in Italia, nonostante sia molto bella. Il problema è che si ignorano le tantissime ricchezze, naturalistiche, culturali e urbane: si tratterebbe, quindi, soltanto di migliorare la comunicazione turistica di tutto il territorio. 
 
COSA NON COMPRARE Tantissimi i souvenir religiosi, spesso raffiguranti croci o miniature di Sant'Antonio. E poi rosari, soprammobili con pensieri cattolici e tanto altro ancora. De gustibus.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati