Cerca nel sito
Gerusalemme Israele Scoperta Archeologia

Israele, un antico torchio per la produzione del vino

La città ebraica di Chorazim fiorì verso la fine dell’era talmudica. Secondo il Nuovo Testamento, è una delle tre città molto ben conosciute da Gesù...

Chorazim, Israele
iStock
Chorazim, Israele
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperto, nel Parco Nazionale di Korazim, a nord del Mare di Galilea, un torchio per la produzione del vino risalente al periodo talmudico. Questo, inserito in una struttura decorata da un mosaico, misura quattro metri di lunghezza e quattro di larghezza, e risale al periodo compreso fra il IV e il VI secolo a.C. “È sicuramente un altro elemento di interesse per i visitatori del parco nazionale”, spiega Dekel Segev, responsabile del sito. “Siamo determinati a completare lo scavo poiché questo è l’unico mosaico nell’antico villaggio ebraico che si trovava a Korazim durante l’era talmudica”.

PERCHE’ ANDARCI 
L'altopiano di Korazim è un altopiano vulcanico, situato nel nord di Israele. Prende il nome da un antico insediamento ebraico chiamato anche Korazim, o "Chorazin". E si estende su un'area compresa tra gli 80 e i 135 chilometri quadrati. L'altopiano ospita alcune comunità israeliane, nonché numerosi e importanti siti archeologici e storici, tra cui Tel Hazor, il Monte delle Beatitudini e Jubb Yussef. Storicamente l'altopiano serviva anche da regione di transito per le valli a nord e sud e le altezze a est ea ovest. 

DA NON PERDERE
La città ebraica di Chorazim fiorì verso la fine dell’era talmudica. Secondo il Nuovo Testamento, è una delle tre città molto ben conosciute da Gesù. La sua bellissima sinagoga (400-500) in basalto è adornata da cesellature geometriche e da decorazioni raffiguranti piante e animali, nonché da una copia della “sedia di Mosè”. Accanto alla sinagoga è stato scoperto un antico mikveh, che veniva usato per le immersioni rituali. Sono state ricostruite due grandi abitazioni e un frantoio.

PERCHE’ NON ANDARCI 
La situazione a Gerusalemme rimane tesa. Chi si muove sin qui per turismo deve ricordarsi di tenere un comportamento prudente, di evitare tutti gli assembramenti e manifestazioni, anche apparentemente pacifici, nonché di seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità locali.

COSA NON COMPRARE 
Tanti i souvenir a disposizione: belle le ceramiche armene bianche e blu, interessanti anche i souvenir in legno d’ulivo e madreperla. E poi piatti colorati, portacandele, tazze da kiddush e candelabri a sette bracci. Tanti i riferimenti alle religioni, persino portachiavi e magliette: a volte tale commercializzazione della fede fa storcere un po' il naso.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Israele
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100