Cerca nel sito
Israele Beit She'an Scythopolis Scoperta Archeologia 

Israele, scoperti a Beit She'an due busti romani

Un tempo si chiamava Scythopolis e rivestiva un ruolo fondamentale: oggi racconta, in maniera eccezionale, millenni di storia...

Beit She'an, Israele
iStock
Beit She'an, Israele
PERCHE' SE NE PARLA
Scoperti per caso due busti in pietra calcarea vicino a Beit She’an, in Israele, un tempo nota come Scythopolis. Questi risalgono alla fine del periodo romano (III-IV secolo d.C.): i due uomini qui rappresentati potrebbero essere stati sepolti proprio nelle vicinanze. "Sembra che i busti siano stati scoperti dopo le piogge torrenziali di dicembre", ha sottolineato Nir Distelfeld, ispettore dell’Unità per la Prevenzione dei Furti dell’Autorità Israeliana per le Antichità. 

PERCHE' ANDARCI
Beit Shean è una delle più antiche città d'Israele. E ha avuto un ruolo importante nella storia grazie alla sua posizione geografica a metà tra la valle del fiume Giordano e la valle di Jezreel. Si parla di questa, una delle dieci città di cultura greco-romana della Decapoli, addirittura nel racconto biblico della battaglia degli Israeliti contro i Filistei sul monte Gilboa. Le antiche rovine della città sono ora protette all'interno del Parco Nazionale di Beit She'an.

DA NON PERDERE
Oggi l'attrazione principale di Beit Shean è il suo Parco Archeologico Nazionale, che comprendono anche reperti egizi. I visitatori del parco possono vedere l'antico muro che circondava la città, i bagni pubblici, un tempio romano, i negozi, le botteghe artigiane e tante altre strutture ben conservate. La via centrale Palladius corre per 24 metri ed è fiancheggiata da colonnati. Ma ci sono anche rari mosaici e un anfiteatro romano, attualmente ancora in uso.

PERCHE’ NON ANDARCI 
Purtroppo questo sito non ha la fama che dovrebbe avere. Ed è un gran peccato. Sicuramente non contribuisce il fatto che raggiungerlo non è semplice. Ma ci sono dei bus che partono dalle principali città. Inoltre  Beit She’an dista circa 25 chilometri dal Lago di Tiberiade. Quindi, dopo aver visitato questo sito, potrete anche raggiungere i luoghi dei miracoli di Gesù.

COSA COMPRARE 
Tanti i souvenir a disposizione: belle le ceramiche armene bianche e blu, interessanti anche i souvenir in legno d’ulivo e madreperla. E poi piatti colorati, portacandele, tazze da kiddush e candelabri a sette bracci. Tanti i riferimenti alle religioni, persino portachiavi e magliette: a volte tale commercializzazione della fede fa storcere un po' il naso.
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Israele
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100