Cerca nel sito
Guatemala Maya Scoperta archeologia

Guatemala, nuovi reperti maya nel lago sacro

Nojpetén era la capitale dell'antico regno itza Maya

lago Petén Itzá, Guatemala
iStock
lago Petén Itzá, Guatemala
PERCHE' SE NE PARLA
La ricerca subacquea di un gruppo di archeologi polacchi nel lago Petén Itzá, vicino all'antica capitale maya Nojpetén, in Guatemala, è stata particolarmente fruttuosa. E sono stati scoperti diversi reperti maya. Tra cui anche un frammento di un incensiere di ceramica a forma di faccia, testimonianza di particolari riti religiosi. Tra gli altri ritrovamenti, anche tre ciotole poste l'una dentro l'altra: una di queste conteneva una lama di ossidiana lunga quasi 20 cm, chiaramente legata a qualche rito sacrificale.

PERCHE’ ANDARCI 
Nojpetén era la capitale del regno Itza Maya di Petén Itzá, situata su un'isola nel lago Petén Itzá, nel moderno dipartimento di Petén, nel nord del Guatemala.  L'isola è ora occupata dalla moderna città di Flores, la capitale di tale dipartimento, ed è occupata fin dai tempi precolombiani. Un tempo questa aveva mura difensive costruite sul basso fondale dell'isola, forse costruite frettolosamente in un periodo storico in cui gli autoctoni si sentivano particolarmente minacciati. O dagli spagnoli, o da altri gruppi maya.

DA NON PERDERE
Tayasal, attualmente sito archeologico che copre un'area di circa 2,75 chilometri quadrati, è stata una grande città Maya. Fu occupata dal periodo medio-antico (circa 1000-350 a.C.) fino al tardo periodo postclassico (1200-1539 d.C.). Il sito, ormai considerato monumento nazionale, si trova a breve distanza dalla moderna città di Flores, separata da essa da un tratto di acqua largo 270 metri. La parte meridionale della penisola ospita anche il moderno villaggio di San Miguel, che probabilmente copre una parte dell'occupazione postclassica del sito. 

PERCHE’ NON ANDARCI 
Nel Guatemala purtroppo è frequente un alto tasso di violenza con criminalità diffusa. Parliamo di omicidi, rapine a mano armata, e sequestri ai fini di estorsione. In particolare in alcuni quartieri della capitale e nelle principali città. Inoltre durante la stagione delle piogge, quindi da maggio a novembre, si possono verificare forti tempeste tropicali. Che potrebbero trasformarsi anche in uragani .
 
COSA NON COMPRARE 
Non solo sciarpe, tessuti e chitarre, tutto all'insegna del colore. Ma anche tantissimi teschi, di varie forme e materiali. Non fatevi spaventare, qui sono gettonatissimi. In vendita anche piccole bamboline cucite a mano e maschere in legno che rimandano a vari animali. Ecco, queste effettivamente un po' di soggezione la incutono...
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Guatemala
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati