Cerca nel sito
Piccole Cicladi Keros Grecia

Grecia, nelle Piccole Cicladi i resti di un'antica civiltà

La civiltà Cicladica era più evoluta di quanto sino ad oggi pensato. Gli scavi a Keros lo confermano

Isola Greca
istockphotos
Chiesetta su isola Greca
PERCHÉ SE NE PARLA
Dopo 4 anni di scavi le ricerche nell’isola di Keros, in Grecia, sono ufficialmente conclusi. La lunga ricerca ha permesso di riportare alla luce numerosi reperti e tracce di edifici nell’area di Kavos, confermando non solo la presenza, ma le complesse abilità tecniche di un’antica civiltà cicladica. I resti architettonici ritrovati confermano che l’insediamento di Kavos doveva avere grande importanza in tutta l’area delle Cicladi. Parte degli scavi e dei ritrovamenti più interessanti si sono concentrati sull’isolotto di Daskalio, un tempo collegato a Keros grazie ad una lingua di terra oggi sommersa. Sui ripidi pendii rocciosi dell’isola sono state ritrovate scalinate, reti fognarie, terrazze, edifici in pietra che testimoniano un notevole avanzamento dal punto di vista tecnico rispetto a ciò che si è pensato fino ad oggi di quel periodo. 
 
PERCHÈ ANDARE
Keros fa parte delle Piccole Cicladi, ma è completamente disabitata, ragion per cui raramente la si sente nominare, al contrario delle altre isole dell’arcipelago. Ma pur essendo piccola e sconosciuta al grande pubblico è un piccolo grande tesoro per l’archeologia, tanto che è proprio per una legge entrata in vigore molti anni fa che si è vietato l’insediamento abitativo: la volontà era quella di preservare il grande patrimonio storico. La si può comunque raggiungere da Ano Koufunissi con un’imbarcazione privata, per andare a godere del mare più cristallino, ma non ci si può fermare a dormire. 
 
DA NON PERDERE
In una gita giornaliera da Ano Koufunissi si può raggiungere Kato Koufunissi, altro isolotto disabitato dove però è possibile dedicarsi a qualche avventura naturalistica. È superfluo dire quanto il mare sia bello e le spiagge paradisiache, ma una vera scoperta possono essere i sentieri e brevi percorsi di trekking (i sentieri sono ben segnalati, ma aridi e privi di servizi lungo il tragitto, quindi occorre essere equipaggiati). Ogni tanto si incontra una piccola chiesetta tipicamente bianca sullo sfondo di panorami bucolici indimenticabili. 
 
PERCHÈ NON ANDARE
Due isolotti disabitati non sono una ragione sufficiente per arrivare fino a qui, mentre Koufunissi, la principale Isola delle Piccole Cicladi, è una meta da tenere fortemente in considerazione, ma occorre prenotare con molto anticipo i pochi alloggi e considerare che, in altissima stagione, le poche spiagge sono piuttosto affollate. 
 
COSA NON COMPRARE
In un’isola disabitata c’è ben poca possibilità di spendere soldi inutilmente. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Grecia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati