Cerca nel sito
Muro del Pianto Gerusalemme

Gerusalemme, un antico sigillo per un appuntamento regale

Un sigillo del VII secolo a.C. riservato ad uno speciale funzionario del re

Gerusalemme Kotel
istockphotos
Muro del Pianto
PERCHÉ SE NE PARLA
Durante alcuni lavori di restauro del Muro Occidentale a Gerusalemme (più noto come Muro del Pianto) è stato trovato un sigillo risalente al VII secolo a.C. Non un sigillo qualsiasi, ma un oggetto unico nel suo genere. L’incisione che porta infatti era riservata agli altissimi ranghi dell’aristocrazia all’epoca del Regno di Giuda, ed era con ogni probabilità il sigillo di un importante invito, o messaggio, destinato a un funzionario che si collocava nella gerarchia appena sotto il re. Non si sa con certezza di quale re si trattasse, perché l’incisione porta una dicitura usata per indicarne più di uno (Adoniyahu), specialmente nella Bibbia.
 
PERCHÉ ANDARE
La scoperta è stata fatta presso il Muro Occidentale, uno dei più importanti simboli di Gerusalemme e si trova nella parte occidentale della Spianata delle Moschee. Chiamato Kotel o più comunemente Muro del Pianto, è un muro di cinta risalente all’epoca del Secondo Tempio (successivo al sigillo ritrovato), il luogo più sacro dell’ebraismo, di oggi come allora. Gli ebrei pregano presso questo muro da oltre 2000 anni, e infilano foglietti nelle sue fessure con preghiere. Non tutte le sue parti sono accessibili, e gli ebrei non ortodossi hanno diritto a pregare solo in una parte di esso, divisi dalle donne. 
 
DA NON PERDERE
Il Muro del Pianto è senza dubbio una delle principali attrazioni di Gerusalemme, e fa certamente parte dell’iconografia globale dell’ebraismo. Occorre avvicinarsi in modo rispettoso, ma in ogni caso è accessibile gratuitamente a qualsiasi ora del giorno e della notte. Si trova nel cuore della Città Vecchia, ed è una tappa fondamentale non solo per la religione ma anche per la storia. 
 
PERCHÉ NON ANDARE
Per avvicinarsi al Muro del Pianto occorre avere un abbigliamento consono. Niente scollature, spalle e gambe coperte sono d’obbligo. Se vi trovate a Gerusalemme in piena estate potrebbe essere un’impresa avere l’outfit giusto, viste le temperature. Occorre organizzarsi e portare capi adatti. 
 
COSA NON COMPRARE
La Città Vecchia di Gerusalemme pullula di negozietti e mercati dove acquistare ogni genere di souvenir, dai gioielli alle spezie passando per oggetti di culto e tessuti. Attenzione però all’autenticità di molti pezzi: quando sono destinati ai turisti è assai probabile che di artigianale o locale abbiano poco o nulla. 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Israele
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati