Cerca nel sito
Firenze percorsi segreti Inferno film palazzo vecchio

Firenze, é già boom per Palazzo Vecchio e i suoi percorsi segreti

Ancora non è uscito nelle sale, ma il percorso "Inferno" dedicato a Dan Brown è già gettonatissimo...

Firenze
Courtesy of©
Firenze
PERCHE' SE NE PARLA A Firenze, a pochi giorni dal debutto nelle sale cinematografiche del nuovo film della saga di Dan Brown, "Inferno", è già "boom" per il Palazzo Vecchio e per i "Percorsi Segreti" gestiti dall’associazione Mus.e e del nuovo tour che si rifà al libro e al film. Quest’ultimo è diventato ben presto la visita guidata più richiesta, contando 6.800 prenotazioni da settembre 2015 a settembre 2016. I biglietti staccati nel museo sono passati dai 349.231 del 2013 ai 691.996 del 2014, sino ai 815.127 del 2016. 
 
PERCHE’ ANDARCI Piazza della Signoria rappresenta il cuore politico di Firenze. Qui si erge dalla fine del 1200 il Palazzo della Signoria o Palazzo Vecchio, la sede del Comune di Firenze oltre che museo, eretto tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo per ospitare i Priori delle Arti e il Gonfaloniere di Giustizia. Varcando la soglia del cortile interno puoi ammirare la fontana con il putto di Verrocchio e gli affreschi di Vasari. Sulla piazza la Loggia dei Lanzi, trecentesca, espone statue famosissime come Perseo di Benvenuto Cellini o il Ratto delle Sabine di Giambologna. 
 
DA NON PERDERE Collegato a Palazzo Vecchio l’edificio degli Uffizi, progettati da Vasari nel 16° secolo come sede della Cancelleria Medicea e ora uno musei dei più importanti al mondo. La Galleria ospita pitture dai primitivi (Cimabue, Giotto) al Manierismo, ed è un compendio della pittura rinascimentale, per le opere di Botticelli, Filippo Lippi, Paolo Uccello, Da Vinci, Michelangelo. Proseguite a piedi verso il Ponte Vecchio, simbolo della città, dal 1500 sede delle botteghe degli orafi, che ha resistito alle distruzioni belliche e alle piene del fiume Arno. 

TUTTI I MONUMENTI DA NON PERDERE A FIRENZE
 
PERCHE’ NON ANDARCI Firenze è una delle più belle e turistiche città italiane, e si vede dagli intensi flussi "migratori" che coinvolgono (e sconvolgono) la vita quotidiana dei residenti. Se avete voglia di vivere la città con calma e bellezza, se potete, scegliete i giorni infrasettimanali e prendetevi almeno due giorni per visitarla. Calcolate che, tra attesa e visita, per visitare gli Uffizi potreste impiegare anche 3 ore.
 
COSA NON COMPRARE Due i souvenir più imbarazzanti. C'è il terribile ombrello con i disegni dei "monumenti" artistici del capoluogo toscano, ma anche il grembiule da cucina con la parte inferiore del David di Michelangelo. Il primo è brutto ma almeno utile, il secondo è decisamente troppo inflazionato.  
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100